menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo le scosse di terremoto, il cavalcavia di Torre Marino riapre col senso unico alternato e il divieto ai mezzi pesanti

Le prime verifiche hanno evidenziato criticità del cemento e del materiale ferroso dell'impalcato che saranno approfondite con ulteriori analisi nei prossimi giorni

Il cavalcavia di contrada Torre Marino sulla ferrovia Sangritana, nel territorio comunale di Lanciano, chiuso dal 30 agosto scorso, riaprirà al traffico leggero a partire da lunedì 1° ottobre. È l'esito dell'incontro tecnico che si è tenuto pochi giorni fa nel Comune di Lanciano, alla presenza del sindaco Mario Pupillo, dell'assessore ai Lavori Pubblici Giacinto Verna, del dirigente settore Lavori Pubblici Luigina Mischiatti e dell'ingegnere Antonio Giancristofaro, incaricato di svolgere le analisi e gli approfondimenti sui materiali del cavalcavia dopo le scosse di terremoto del 14 e 16 agosto scorsi. 

Le prime verifiche, condotte dall'ingegner Giancristorafo tramite analisi di laboratorio svolte dalla Labortest, hanno evidenziato criticità del cemento e del materiale ferroso dell'impalcato che saranno approfondite con ulteriori analisi nei prossimi giorni; nel frattempo, saranno predisposte le procedure necessarie a riaprire il cavalcavia parzialmente al traffico, in totale sicurezza, a partire da lunedì 1° ottobre, in quanto collegamento importante tra la statale 84 e le contrade Torre Marino e Santa Maria dei Mesi. Il transito sarà consentito con le seguenti prescrizioni di sicurezza che verranno disposte con apposita ordinanza del settore Programmazione Urbanistica: senso unico alternato, limitazione di velocità a 30 chilometri orari e divieto di transito ai mezzi di peso superiore alle 3,5 tonnellate. 

Spiega l'assessore Verna: 

Stiamo procedendo nei tempi previsti, le indagini di laboratorio hanno evidenziato delle criticità che impongono approfondimenti e un'ulteriore riflessione sulle azioni da intraprendere per dare una soluzione in tempi ragionevoli alla cittadinanza e nel rispetto del documento unico di programmazione, nonché del piano triennale dei lavori pubblici in cui è inserito questo intervento.

La nostra priorità è stata e sarà sempre la sicurezza dei nostri concittadini: le analisi e le verifiche che hanno richiesto la chiusura del cavalcavia per essere svolte sono in via di conclusione e questo consentirà di riaprire al traffico, seppure con alcune prescrizioni, la strada a servizio della contrada Torre Marino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento