menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Centro universitario di medicina fisica e riabilitativa

Il Centro universitario di medicina fisica e riabilitativa

Riabilitazione post-ictus: progetto europeo da 5 milioni di euro, la d’Annunzio è partner

Un progetto all’avanguardia presentato dall’università d’Annunzio per sviluppare tecnologie a favore del recupero dei pazienti colpiti da ictus. In Abruzzo sono 36 i posti letto per le cure di emergenza dello stroke

E’ in partenza il progetto europeo MAGIC (“Mobile Assistance for Groups Individuals within the Community Stroke Rehabilitation - MAGIC”) presentato dall’università d’Annunzio di Chieti in collaborazione con P&F Technology per sviluppare tecnologie a favore del recupero dei pazienti colpiti da ictus. Il progetto è stato approvato dalla Commissione Europea e cofinanziato nell’ambito del programma Horizon 2020. Vanta un partenariato vasto ed articolato, composto da soggetti sia privati che pubblici, proveniente da tutta Europa (ad esempio: università di Dublino, Regione Sjaelland in Danimarca) e coordinato dalla Regional Business Services Organisation (Uk). L’avvio ufficiale sarà durante il mese di gennaio 2016: l’intero progetto avrà una durata complessiva di 52 mesi, con un budget totale previsto di 5.189.723,75 euro (di cui 3.632.804,00 cofinanziati dai fondi comunitari). Il budget destinato all’Ud’A, che nello specifico dovrà occuparsi della validazione della tecnologia, è di 196,482,50 euro
 
IL PROGETTO - Si tratta del primo “Pre Commercial Procurement” del programma Horizon 2020, uno strumento creato dalla Commissione Europea per finanziare le idee progettuali innovative prima della loro commercializzazione, e rappresenta una sfida per l’università e per le aziende del territorio. L’impatto è duplice: si finanziano aziende che creano innovazione tecnologica producendo anche comparti aziendali innovativi (l’automazione industriale applicata al settore medico) e si dota la struttura sanitaria locale gratuitamente di tecnologie riabilitative avanzate (con conseguente miglioramento del servizio sanitario territoriale e riduzione dei costi sanitari e assistenziali).

Mahic è basato sulla ricerca di un percorso riabilitativo standardizzato, di linee guida internazionali incentrato sull’individualità della persona per il recupero funzionale a seguito di un evento patologico quale Ictus e/o Infarto, ma è applicabile in tutti i contesti terapeutici riabilitativi legati all’invecchiamento della popolazione e all’aumento delle patologie cronico-degenerative, puntando al miglioramento del benessere del paziente con un recupero più veloce e sicuro.

LA RIABILITAZIONE POST ICTUS IN ABRUZZO - Nelle sei aziende sanitarie abruzzesi esistono per le cure di emergenza dello stroke 5 stroke units: 6 posti letto all'ospedale "SS.Annunziata" di Chieti (Asl Chieti), 6 posti letto all'ospedale "Renzetti" di Lanciano (Asl Lanciano-Vasto), 6 posti letto all'ospedale "San Salvatore" dell'Aquila (Asl L'Aquila), 8 posti letto all'ospedale "S.Spirito" di Pescara (Asl Pescara) e 6 posti letto per l'ospedale "Mazzini" di Teramo (Asl Teramo). 

Ad un anno di distanza da un primo evento si stima che un terzo dei soggetti sopravvissuti presenta un elevato grado di disabilità, che rende tali individui totalmente dipendenti. Ogni disabile grave, in conseguenza di un ictus, costa all’anno mediamente dai 40.000 ai 50.000 euro. L’offerta territoriale in Abruzzo è caratterizzata da bisogni non sempre soddisfatti o solo parzialmente soddisfatti, e l’offerta ospedaliera, caratterizzata da servizi spesso frammentati, in alcuni casi sovradimensionati rispetto agli standard nazionali.

Il Centro di Medicina Fisica e Riabilitazione dell’Università G. d’Annunzio di Chieti utilizza un sistema di allevio corporeo denominato S.P.A.D. (Sistema Posturale Antigravitario Dinamico), dotato di due sistemi alternativi e complementari per la riacquisizionione dell’equilibrio e delle funzionalità motorie e di deambulazione: un sistema di tipo pneumatico e un sistema di tipo elettro-meccanico. Nella possibilità di estendere a tutto il territorio Abruzzese le tecnologie disponibili presso Centro di Medicina Fisica e Riabilitazione dell’Università G. d’Annunzio per rendere specifica ed efficace la riabilitazione estensiva degli esiti di ictus ischemico, si pensa alla possibilità di organizzare delle postazioni mobili in cui trasportare tecnologie come la SPAD su varie aree del territorio mettendo a disposizione professionalità e competenze per il bene della salute pubblica e una riduzione dei costi relativi alla perdita completa di autonomia.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento