Respinta mozione sul decoro urbano, lo sfogo di Di Paolo

“Una mozione - dice - condivisa nel contenuto da molti componenti della stessa maggioranza di centrodestra che però stranamente, al momento del voto in aula, preferiscono non voltarla"

Amaro sfogo di Bruno Di Paolo, capogruppo di Giustizia Sociale in consiglio comunale, all’indomani della seduta che ha visto bocciare la sua mozione sul decoro urbano, che chiedeva maggiori controlli sul conferimento dei rifiuti

“Una mozione - dice lui oggi - condivisa nel contenuto da molti componenti della stessa maggioranza di centrodestra che però stranamente, al momento del voto in aula, preferiscono non voltarla con la sola eccezione del consigliere in quota Ncd, il partito del sindaco, Donato Tacconelli”. 

“Non è così che questa amministrazione comunale può continuare a fare politica in città. Quanto accaduto in consiglio - tuona - è davvero vergognoso e va a ledere, soprattutto, i diritti dei cittadini corretti che effettuano una raccolta differenziata dei rifiuti rispettando le regole”.

Per Di Paolo, la responsabilità sarebbe soprattutto del centrodestra. “La mozione, presentata qualche settimana fa - spiega - è stata inizialmente ritirata dal sottoscritto su richiesta della stessa amministrazione, per tentare di trovare linee condivise in tema di raccolta dei rifiuti urbani. Considerando che la mia proposta di impegnare l’amministrazione ad un maggiore attenzione sul decoro urbano non era né strumentale né, tantomeno, finalizzata ad un  ritorno  politico, ma solo un modo per risolvere un problema sotto gli occhi di tutti, mi sono messo a lavorare a capo chino per stilare una mozione che potesse essere votata da tutti nell’interesse della città. Ma non dall’amministrazione di centro destra”.

“Questa amministrazione - accusa - continua ad avere il prosciutto agli occhi sulle reali problematiche della città. La raccolta differenziata va rivista, o comunque deve essere attenzionata, in parecchie aree urbane, specie in centro storico”.

La mozione discussa ieri chiedeva l’istituzione di un tavolo tecnico sulla gestione dei rifiuti, per definire una mappatura delle aree adibite al conferimento dei rifiuti urbani e pianificare i controlli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore investita dall'auto con la figlia minorenne a bordo: la vittima era di Chieti

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • Morto l'uomo caduto all’interno della scala mobile di Chieti

  • Da Francavilla ad "Avanti un altro", Al Di Berardino conquista Bonolis: "Per me ha già vinto!"

  • In auto con due chili di cocaina pura: arrestato dopo inseguimento da Chieti Scalo a Vasto

  • Da innamorato a stalker dopo che lei sposa un altro, "Siamo in due a non vivere più": arrestato

Torna su
ChietiToday è in caricamento