rotate-mobile
Cronaca

Taglio tribunali "minori", la Consulta boccia il referendum

La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum abrogativo della riforma della geografia giudiziaria

La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum abrogativo della riforma della geografia giudiziaria.

Nove regioni, l'Abruzzo capofila, avevano chiesto che gli elettori si esprimessero sulla riforma che taglia circa mille piccoli tribunali italiani, tra questi: il tribunale di Lanciano e quello di Vasto, assieme a quelli di Sulmona e Avezzano.

Proprio questa mattina i sindaci dei quattro comuni assieme ai comitati territoriali avevano lanciato l'appello affinché i giudici dessero "voce ai cittadini per esprimere democraticamente la sovranità popolare sancita dalla Costituzione"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglio tribunali "minori", la Consulta boccia il referendum

ChietiToday è in caricamento