Cronaca Atessa

Ad Atessa strappati i manifesti del no: sbotta il M5S

Pronta una denuncia querela contro ignoti. Marcozzi: "Quotidianamente qui i manifesti in favore del no al prossimo referendum vengono strappati"

Una denuncia querela contro ignoti sta per essere inoltrata dal capogruppo in regione del M5S, Sara Marcozzi dopo l’ennesimo atto vandalico ai danni dei manifesti elettorali del Movimento ad Atessa.

"Quotidianamente, in zona Atessa, i manifesti elettorali del M5S in favore del no al prossimo referendum del 4 dicembre vengono strappati – denuncia Marcozzi - Questi vengono affissi da cittadini volontari nel loro tempo libero, motivo in più per giudicare l’atto ancor più grave, perché in spregio del senso civico, del rispetto del pensiero altrui e del decoro della città". I manifesti, legittimamente affissi negli alloggiamenti assegnati, sono stati strappati in via duca degli Abruzzi, in località Piazzano, in via del Tratturo e in via Don Minzoni.

"Rassicuriamo chi pensa di farci un dispetto o vorrebbe impedirci le nostre prerogative che affiggeremo i manifesti elettorali ogni giorno, ricorda anche a chi li strappa che commette un reato penale che stiamo provvedendo a segnalare alle competenti autorità! - conclude Marcozzi - Siamo certi che i cittadini il 4 dicembre, con un compatto no, non strapperanno la nostra costituzione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ad Atessa strappati i manifesti del no: sbotta il M5S

ChietiToday è in caricamento