Cronaca Centro Storico / Piazza San Giustino

Referendum abolizione indennità parlamentari: dove si firma

Ecco i punti di raccolta firme nei principali centri della Provincia: Chieti, Lanciano e Vasto. Si può firmare presso i Comuni ma anche in piazza, com'è il caso del capoluogo teatino

Presso i Comuni italiani, e dunque anche nei principali centri della provincia di Chieti, è possibile firmare per un referendum abrogativo parziale sulla legge per le indennità parlamentari Art. 2 L. 31/10/1965, n. 1261, che recita: “Ai membri del Parlamento è corrisposta inoltre una diaria a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma. Gli Uffici di Presidenza delle due Camere ne determinano l’ammontare sulla base di 15 giorni di presenza per ogni mese e in misura non superiore all’indennità di missione giornaliera prevista per i magistrati con funzioni di Presidente di Sezione della Corte di Cassazione ed equiparate; possono altresì stabilire le modalità per le ritenute da effettuarsi per ogni assenza dalle sedute e delle Commissioni”.

Si parla, in sostanza, della riduzione delle spese parlamentari. La raccolta firme si concluderà il 30 luglio; è sufficiente recarsi presso il proprio Comune e andare a firmare. Sono necessarie 500.000 firme.

A Chieti, oltre che in Comune, si può firmare in piazza San Giustino dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 12:30, nonché il martedì e giovedì pomeriggio dalle 15 alle 17, fino al 20 agosto.

A Lanciano si firma presso la Segreteria del Comune - Ufficio Anagrafe, al primo piano del Palazzo Comunale, dove sono disponibili i moduli della petizione per il referendum.

Stesso discorso per Vasto: si può firmare in Comune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum abolizione indennità parlamentari: dove si firma

ChietiToday è in caricamento