menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Signora percepisce il reddito di cittadinanza ma dimentica di aggiornare l'Isee: scoperta dalla GdF

Segnalata dalla Guardia di Finanza a Inps e Procura, per il recupero delle somme percepite indebitamente da maggio scorso

Percepiva indebitamente il reddito di cittadinanza mediante false attestazioni: è quanto scoperto dai finanzieri della Compagnia di Vasto che, nell’ambito di alcuni controlli sul lavoro nero e irregolare, hanno verificato la posizione di una cinquantaquattrenne che, dal maggio 2019, percepiva il reddito di cittadinanza. 

“Dai riscontri documentali effettuati anche con le banche dati in uso al corpo – spiegano dal comando - è emerso che, in epoca successiva all'accoglimento dell’istanza, nell’ambito del nucleo familiare del soggetto beneficiario si era aggiunto un ulteriore componente che percepiva, dal 2018, un regolare stipendio come lavoratore dipendente, per circa 22.000 euro annui, ma la circostanza non era stata comunicata all’Inps. In pratica, omettendo di aggiungere il familiare con redditi, la signora si avvaleva di una certificazione Isee non veritiera, vale a dire con requisiti reddituali che, di fatto, non avrebbero consentito alla stessa di continuare a percepire il sussidio.

Pertanto, ai sensi della legge 26/2019, la signora si è resa responsabile delle violazioni penali previste dall’art. 7 della stessa legge, che prevede la reclusione da uno a tre anni per chi ometta di comunicare, all’Ente erogatore, variazioni rilevanti del reddito complessivo, del patrimonio o del nucleo familiare”.

La posizione della donna è stata segnalata sia all’Inps per l’immediata decadenza dal beneficio e per il recupero delle somme indebitamente percepite, sia alla Procura della Repubblica, avendo la stessa omesso di comunicare le informazioni familiari e reddituali.

“L’attività testimonia l’impegno della Guardia di Finanza per contrastare i fenomeni di indebito accesso al reddito di cittadinanza da parte di chi non ne ha diritto, soprattutto i lavoratori irregolari, i possessori di beni patrimoniali mai dichiarati, coloro che affittano case in nero o dediti ad attività illecite. Il risultato è opera di una quotidiana attività info-investigativa svolta dal Corpo nel comparto della tutela delle uscite, con il fine di assicurare la corretta destinazione di aiuti economici statali a coloro che si trovano in reali condizioni di bisogno” sottolineano dal comando provinciale della Guardia di Finanza.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Attualità

“Mio padre chiamato per il vaccino un mese dopo il decesso”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento