Rapina Lanciano: uno degli arrestati era fuggito da una comunità di recupero

Il giovane fermato Alexandru Bogadan Colteanu era stato ospite della cooperativa perugina "Utopia"

Era fuggito da una comunità di recupero umbra il romeno Alexandru Bogadan Colteanu, uno degli arrestati per la rapina di Lanciano. Il giovane, bloccato a Casal di Principe (Caserta) per il tentativo di ricettare un orologio rubato nella villa, è sospettato della mutilazione dell'orecchio destro di una delle due vittime del violento episodio. "Non ho mai creduto che potesse recuperare la retta via", ha detto il presidente della cooperativa che gestisce questa ed altre case di recupero, Massimiliano Porcelli, in una intervista al quotidiano La Nazione.

Nella struttura di Gualdo Cattaneo della cooperativa "Utopia", Colteanu era stato ospite nel 2014, fino all'evasione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Proveniva dal carcere minorile di Casal del Marmo - ricorda Porcelli - per avere commesso, già da minorenne, gli stessi reati, rapine in villa. Una notte, insieme al fratello e ad altri ragazzi, rubarono un furgoncino della cooperativa e scapparono. Il fratello venne in seguito riaffidato a noi. Di lui ho perso le tracce".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento