rotate-mobile
Cronaca Tollo

Rapina in albergo per un computer, condannati due teatini

I fatti nel 2008 a Tollo. Nei confronti dei due è anche scattata l'interdizione perpetua dai pubblici uffici

Si erano impossessati di un computer portatile sottraendolo con violenza ad un uomo in una stanza d'albergo, percuotendolo e provocandogli lesioni. Per quei fatti, avvenuti a Tollo a marzo del 2008, il tribunale di Chieti ha condannato a 7 anni e 6 mesi di reclusione e 2.000 euro di multa Francesco Piazza, 48 anni, e a 6 anni di reclusione e 1.600 euro di multa Maurizio Di Biase, 49 anni, entrambi di Chieti.

L’accusa è di concorso in rapina, assieme ad altre tre persone non identificate. Nei confronti dei due è anche scattata l'interdizione perpetua dai pubblici uffici e l'interdizione legale per tutta la durata della pena.

I due erano anche accusati di lesioni personali con l'aggravante di aver commesso il fatto al fine di consumare la rapina e di violazione di domicilio con l'aggravante di aver sfondato la porta della camera d'albergo: per gli ultimi due reati il tribunale ha dichiarato non doversi procedere per prescrizione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in albergo per un computer, condannati due teatini

ChietiToday è in caricamento