menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Radioterapia pediatrica, collaborazione del reparto teatino con l'Istituto tumori di Milano

L’attività di collaborazione, iniziata lo scorso marzo e che terminerà a dicembre, è seguita all’investimento in tecnologia e formazione nel reparto, grazie anche all'impegno della onlus Il Tratturo: una strada per la vita

Collaborazione fra la Radioterapia Oncologica di Chieti e l’Unità di Radioterapia Pediatrica dell’istituto Tumori di Milano per realizzare il centro teatino sui Tumori oncologici pediatrici. L’attività di collaborazione, iniziata lo scorso marzo e che terminerà a dicembre, è seguita all’investimento in tecnologia e formazione nel reparto, grazie anche all'impegno della onlus Il Tratturo: una strada per la vita. 

L’associazione no profit ha infatti promosso il progetto Bimbo per la Radioterapia teatina, raggiungendo l’obiettivo di implementare protocolli e tecniche nel reparto. Il team dedicato è coordinato dalla dottoressa Antonietta Augurio e dalla dottoressa Francesca Perrotti, che mensilmente si recano per una settimana presso l’Unità di Radioterapia Pediatrica dell’Istituto Tumori di Milano, Centro di Riferimento nazionale e tra i più referenziati a livello internazionale,  sotto la sapiente  guida dello staff coordinato dalla  dottoressa Lorenza Gandola.

Questo stretto rapporto di collaborazione non solo si è rivelato prezioso per l’implementazione di protocolli e tecniche radioterapiche avanzate sui Bambini oncologici, ma ha portato alla creazione di un vero e proprio network di condivisione telematica online sui casi clinici sia  in termini di indicazioni, di protocolli per la prescrizione degli appropriati dosaggi e volumi sia in termini di valutazione congiunta della appropriata dell’ottimizzazione tecnologica.

“Questo importante rapporto di collaborazione - dice il primario Domenico Genovesi - andrà avanti almeno fino a dicembre 2016, con il proseguimento degli accessi mensili e con il possibile coinvolgimento anche dei giovani Medici Specializzandi della Radioterapia di Chieti, per i quali stiamo inoltrando formale richiesta di frequenza per periodi più lunghi. Certamente prolungheremo oltre dicembre 2016 questo prestigioso ed importante rapporto di collaborazione che ci ha di fatto consentito di attivare, dopo l’avvenuta piena implementazione dell’offerta tecnologica nel nostro Centro, la sezione della Radioterapia Pediatrica a Chieti con ottimi risultati. La frequenza presso l’Istituto Tumori Milano ha permesso inoltre di osservare l’importante fenomeno migratorio dei piccoli pazienti oncologici dalle regioni del centro-sud Italia e certamente limitare il flusso migratorio ha rappresentato il principale razionale di questo nostro percorso finalmente attivato ed operativo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento