Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Chieti Scalo

Qualità dell'aria: per il Wwf i risultati sono insufficienti

Il Wwf commenta i risultati del monitoraggio eseguito dall'Arta a Chieti scalo: "Atto positivo ma non attendibile". Il Sindaco: "Tenere sotto controllo l'inquinamento"

Il Comune di Chieti ha reso noti i risultati della campagna di rilevamento della qualità dell’aria effettuata dall’Arta a Chieti scalo, zona Madonna delle Piane, uno dei più grossi snodi viari della città.

Dal monitoraggio è emerso che la qualità dell'aria da quella zona fino a via Travaglini, rispetta i criteri e i limiti di legge e che dunque sono nella norma le concentrazioni di biossido di azoto, monossido di carbonio, particelle sospese PM10, ozono e benzene.

Lo studio commissionato dall'Associazione Villablocc e dal Wwf, reso noto pochi giorni fa, invece, mete in evidenza una serie di indicatori che chiaramente richiedono attenzione, in particolare quelli di inquinanti relativi a pesticidi non più in uso.

“Il monitoraggio effettuato dall’Arta – commenta la responsabile Wwf Chieti Nicoletta Di Francesco - rappresenta un positivo atto di buona volontà, ma è assolutamente insufficiente, perché troppo breve. Inoltre è stato effettuato nel cuore dell’estate, con molte fabbriche chiuse e con una incidenza del traffico imparagonabile a quella degli altri mesi dell’anno”.

I rilevamenti dell’Arta sono durati circa un mese, nel periodo compreso tra il 18 luglio e il 16 agosto scorsi. Il WWF fa sapere che non smetterà di chiedere interventi costanti e non episodici a tutela della salute dei cittadini e che sta inviando in questi giorni agli enti locali, Comune compreso, i risultati dei propri rilievi sulla qualità dell’aria a Chieti Scalo, organizzati in collaborazione con Villablocc e portati avanti per un intero anno dall’Università di Siena.

Il Sindaco Umberto Di Primio intanto, ha annunciato che non appena il Comune entrerà in possesso ufficialmente dei documenti del Wwf,  denuncerà alla Procura della Repubblica quanto emerso dalla ricerca dell’Università di Siena, al fine di verificare la presenza e la provenienza delle particelle rilevate. “Quello che ci interessa è tenere sotto controllo l’controllare l'inquinamento nell’intera città – dice l’assessore all’ecologia Emilia De Matteo - riattivando le due centraline fisse". Ciò che posso confermare, dati alla mano - ha detto Di Primio - è che la qualità dell'aria controllata in collaborazione con l'Arta nella zona di Madonna delle Piane e di via Travaglini, a Chieti bassa, rispetta i criteri e i limiti di legge.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità dell'aria: per il Wwf i risultati sono insufficienti

ChietiToday è in caricamento