menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'azienda vuole chiudere lo stabilimento: scatta lo stato di agitazione nella fabbrica di lattine

Sciopero, oggi, alla Ball di San Martino sulla Marrucina, dopo l'annuncio dell'azienda. Ma Fiom e Fim promettono altre iniziative di protesta, sebbene da domani i lavoratori riprenderanno le attività

Stato di agitazione permanente alla Ball di San Martino sulla Marrucina, dove questa mattina i lavoratori si sono radunati in presidio dopo l'annuncio improvviso della chiusura, meno di una settimana fa. Nonostante la mobilitazione, già da domani, i lavoratori torneranno al proprio posto, continuando a prestare la loro opera 

seriamente, con il massimo impegno, al contrario di chi arriva nel nostro territorio con seguito armato come in un film, blocca l' ingresso aziendale con un furgone, decreta la morte di 85 posti di lavoro e se ne torna tranquillamente a casa

puntualizzano in una donna Fiom e Fim Chieti e le rsu. I sindacati dichiarano 

tanta delusione, tanto amaro in bocca per questa vicenda che nei fatti fa sentire i lavoratori della Ball di San Martino sulla Marrucina come delle persone che hanno subito una violenza. Tanti lavoratori che hanno dato tutto il possibilem anche attraverso le flessibilita? contrattate, in cambio di un reddito, di una sicurezza per le proprie famiglie.

Questo fulmine a ciel sereno ha tradito alcuni ragazzi che fino al mese scorso hanno richiesto e ottenuto un mutuo per costruire il proprio futuro, certi di una stabilita? economica, e che oggi si chiedono fra qualche mese come faranno ad onorare gli impegni presi.

I rappresentanti sindacali chiedono alla Ball Beverage Packing Italia srl chiedono all'azienda un impegno, considerato che lo stabilimento non ha alcun problema di produttivita?, qualita? e redditivita?:  

Un messaggio all' azienda lo mandiamo forte e chiaro, oggi con lo sciopero ci siamo fatti misurare, siamo unitissimi, abbiamo tenuto un' assemblea e abbiamo serrato i ranghi. L' azienda non si chiude, ritiri i licenziamenti.

Vertenza Ball-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento