Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Stipendi non pagati e trasporti a rischio alla società Cerella di Vasto

I sindacati accusano gli enti competenti di non aver agito in tempo e scatta la protesta in Regione

Lavoratori senza stipendio e servizi a rischio nel periodo natalizio, a causa della sospensione delle forniture di materiale di consumo, dal gasolio ai pezzi di ricambio. Accade alla società di autoservizi Cerella di Vasto, per la quale i sindacati lanciano l'allarme, scrivendo al presidente vicario della Regione, Giovanni Lolli, al consigliere delegato ai trasporti, Maurizio Di Nicola, e al presidente di Tua, Tullio Tonelli, per chiedere un incontro urgente. 

Fit Cisl, Uil Trasporti e Fais Cisal sollecitano gli enti competenti da mesi, ma ora il problema non è più rimandabile e parlano di un 

precipitoso degenerare della situazione finanziaria, a causa di fatti imprevisti che hanno causato una grave crisi di liquidità che sta portando al collasso tutta l’attività di trasporto gestita dall’azienda nel vastese. Le prime e gravi ripercussioni saranno a carico e dei lavoratori che non hanno avuto tredicesime e stipendi.

Nella lettera, i sindacati lamentano che i destinatari hanno sempre rimandando una soluzione e, per questo, 

procederanno celermente ad attivare tutte le azioni necessarie per rimuovere gli ostacoli che, a nostro avviso, sono stati dissimulatamente disposti nel percorso di risanamento della situazione finanziaria.

Lunedì, sindacati e lavoratori si presenteranno davanti la sede pescarese della Regione, in viale Bovio, per protestare contro la situazione che, per loro, poteva essere risolta se affrontata per tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stipendi non pagati e trasporti a rischio alla società Cerella di Vasto

ChietiToday è in caricamento