menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Sacra Famiglia del 22esimo presepe vivente è ospite della Casa di Betlemme

Una giovane nigeriana interpreterà la Madonna e la sua bimba di poco più di tre mesi il Bambino. Un italiano darà il volto a San Giuseppe

Arrivano dalla Nigeria i protagonisti principali dell'edizione numero 22 del Presepe Vivente a Chieti: la giovane che interpreterà Maria e la sua figlioletta, a cui invece spetterà il ruolo di Gesù. Si tratta di Bella Monday e della piccola Maria Christ, che ha da poco compiuto tre mesi. San Giuseppe sarà invece impersonato da Giuseppe Caggiano, 35 anni. Tutti e tre sono ospiti della Capanna di Betlemme, la struttura gestita dall'associazione Papa Giovanni XXIII.

Il presepe vivente si terrà come ogni anno nel giorno dell'Epifania (venerdì 6 gennaio). Le scene saranno allestite nel rione Civitella, con la capanna della Natività collocata sulla scalinata del convento delle suore Orsoline. Al percorso si accede dal giardino di Palazzo Lepri, dove il presepe vivente sarà "inaugurato" dal piccolo Valerio Bonvecchio. In caso di neve, la ditta Formula Ambiente si occuperà di pulire le vie interessate dalla manifestazione. L'evento sarà annullato solo in caso di precipitazioni particolarmente abbondanti

"Come amministrazione comunale – ha commentato il sindaco Umberto Di Primio in conferenza stampa questa mattina (mercoledì 4 gennaio) – pur in un momento di difficoltà finanziaria, siamo lieti di aver sostenuto lo sforzo dell’associazione Teate Nostra, che, sin dalla prima edizione, cura con passione l’allestimento di un evento che, anno dopo anno, porta a Chieti tantissimi visitatori. Un ringraziamento all’associazione Papa Giovanni XXIII, ai gruppi parrocchiali, alle associazioni di volontariato, ai gruppi scout e a tutte quelle persone che, con il loro spontaneo contributo, rendono possibile ogni anno il ripetersi di questa suggestiva manifestazione. Nonostante le ristrettezze economiche, non si è voluto rinunciare ad allestire un evento entrato ormai di diritto nella tradizione delle manifestazioni della nostra Città e che il Comune non ha mai voluto interrompere". 

"Mi preme ringraziare Teate Nostra – ha aggiunto l’assessore Antonio Viola - nonché l’associazione Papa Giovanni XXIII, per la realizzazione di questo importantissimo appuntamento di grande valenza sia culturale che turistica con poche risorse finanziarie. A tale proposito, desidero esprimere riconoscenza al sindaco Di Primio il quale che si è impegnato in prima persona per reperire le risorse che abbiamo messo a disposizione».

L'ORDINANZA DI DIVIETO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento