Sgominata l'organizzazione che promuoveva prostituzione e riduzione in schiavitù: arresti anche a Chieti

L'operazione Agadez, partita da Firenze e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, ha permesso di stroncare un'organizzazione dedita alla tratta di esseri umani

Anche la città di Chieti è coinvolta nell'operazione che ha permesso di stroncare un'associazione per delinquere che sfruttava la prostituzione.

All'alba di questa mattina, anche nella nostra città, sono state eseguite 7 misure cautelari delle 12 emesse dal gip del tribunale di Firenze, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. 

All'operazione Agadez, condotta dalla squadra mobile della questura di Siena, hanno partecipato anche le questure di Chieti, Foggia, Torino, Cuneo e Pistoia. 

Questa mattina, sono state arrestate 6 donne di nazionalità nigeriana e un uomo italiano, di età compresa tra i 25 e i 54 anni,  per associazione per delinquere, tratta degli esseri umani, riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione.

Le misure, 5 custodie cautelari in carcere, un provvedimento di arresti domiciliari e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria sono state eseguite a Chieti, in provincia di Firenze, tra Empoli e Castel Fiorentino, in provincia di Torino, nel cuneese.

Ulteriori dettagli dell'operazione verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa nella procura della Repubblica di Firenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

  • Sospesi gli scavi in piazza San Giustino: ora servono finanziamenti per non rinunciare alla valorizzazione del sito

Torna su
ChietiToday è in caricamento