menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Attenzioni particolari" per un'alunna: prof interdetto dall'incarico

Sms quotidiani e un abbraccio troppo caloroso da parte di un supplente di Chieti che è stato condannato per atti sessuali tentati e continuati ai danni una minore

Un insegnante trentaseienne di Chieti è stato condannato a due anni, pena sospesa, con interdizione a vita dall'insegnamento con l'accusa di atti sessuali tentati e continuati nei confronti di una sua ex alunna di appena 12 anni.

I fatti risalgono a circa un anno fa in un scuola media di Pescara, dove l’uomo era stato chiamato per una supplenza. Il rapporto instauratosi tra i due sarebbe andato ben oltre il classico rapporto fra professore e alunna.

La denuncia è scattata dopo che i genitori della ragazza avevano scoperto uno scambio di sms tra la figlia e il docente. Tra i messaggi ce ne era anche uno per fissare un appuntamento tra i due per incontrarsi fuori dalla scuola, poi saltato. Inoltre alcuni testimoni avrebbero notato un abbraccio ‘troppo affettuoso’ tra prof e alunna nei locali della scuola. 

La pena è stata inflitta in primo grado dal giudice Antonella Di Carlo. Il difensore dell’insegnante, l’avvocato Dario Marrocco, ha annunciato ricorso in appello ritenendo il reato tentato e non consumato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento