rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca Chieti Scalo / Via Penne

Un prodotto artigianale teatino protegge i trofei dell'Eurobasket: è il flight case della Music&Light Service

L'azienda nasce nel 1979 a Chieti come service audio-video, ma da qualche anno, con l'apporto dei figli del titolare, rientrati in Abruzzo dopo gli studi fuori, realizza pezzi unici fatti interamente nella sede di via Penne

L’azienda nasce 38 anni fa, come ditta di service audio e luci. “Ma io sto in questo modo da sempre - racconta il titolare - da quando mio padre lavorava al Supercinema e al Marrucino: la mia ambizione era quella di fare service audio-luci e sono stato tra i primi in Abruzzo”.

I suoi racconti affondano le radici in tempi lontani, quando le feste studentesche teatine venivano animate da quelli che una volta si chiamavano “complessi”, le odierne coverband, per far ballare ai ragazzi tutti i successi del momento. “Io - prosegue - portai la discoteca mobile con 100-200 dischi e la prima serata fu al Grande Albergo Abruzzo: un successo”. 

Da allora, quell’ambiente respirato sin dai primi anni di vita, si trasforma in una possibilità di lavoro e in un progetto concreto. Dopo qualche collaborazione come macchinista, decisivo è l’incontro con Lucio Fumo, creatore del Pescara jazz, uno dei primi festival italiani di questo genere, poi quello con Roberto Montebello, titolare del cinema teatro Circus di Pescara. Da quel momento, Nacci inizia collaborazioni di un certo rilievo grazie al service, dal festival jazz alle Naiadi, con nomi del calibro di Ray Charles e Stevie Wonder, al balletto, passando per gli spettacoli al teatro Marrucino. 

Ma continua a coltivare la sua abilità di falegname-artigiano e realizza per sé i case che gli servono per trasportare gli strumenti del mestiere, mentre continua a proporre impianti audio su misura, riparazioni di altoparlanti, vendita di forniture del settore, manutenzione. Finché alcuni clienti vedono questi prodotti, se ne interessano e chiedono di averli su misura. A quel punto la Music&Light Service si trasforma e inizia l’avventura della produzione artigianale di case fatti di alluminio, legno e acciaio. 

“Si tratta di un prodotto su misura - racconta - realizzato dopo il confronto con il cliente, che ci spiega le sue esigenze. Da un po’, la produzione si è allargata dal semplice ambito musicale: ci stiamo orientando verso il catering, l’equitazione, i tatuatori, con l’ultima creazione che è una postazione per tatuare nelle convention. Il nostro obiettivo è inserire il prodotto in settori diversi da quelli consueti, anche se la resistenza è molta”. 

L’idea dell’ultimo nato in casa Music&light Service è del figlio di Nacci, Giulio, che dopo gli studi a Urbino e un’esperienza lavorativa a Milano, ha deciso di tornare in Abruzzo, insieme al fratello gemello Davide, per mettere a disposizione la propria formazione nell’azienda di famiglia: “Il case per tatuatori mi è venuto in mente pensando al design del prodotto, che è molto rock, abbinato al mondo dei tatuaggi. Abbiamo fatto un’indagine sulle esigenze della categoria, parlandone anche con amici di tatuatori, per capire quali fossero le loro esigenze e per ora il riscontro è positivo: è uscito ufficialmente da una settimana”. 

flight.case.travel-case-attrezzatura-tatuatori-2

Proprio la scelta di inserire la “seconda generazione” nell’attività aziendale è stata la leva per far rispolverare l’immagine della Music&light Service. I due figli hanno scelto consapevolmente di tornare in Abruzzo, a Chieti, e investire le loro energie nella realizzazione di un prodotto artigianale unico, forti delle esperienze acquisite fuori regione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un prodotto artigianale teatino protegge i trofei dell'Eurobasket: è il flight case della Music&Light Service

ChietiToday è in caricamento