Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Dopo Formula Ambiente, scatta lo stato di agitazione anche a Chieti Solidale e Teateservizi

Intanto i lavoratori del consorzio che gestisce il servizio di igiene urbana si preparano al presidio permanente

Mentre i lavoratori di Formula Ambiente si preparano al presidio permanente per protestare contro la mancanza di certezze sul pagamento degli stipendi e sul futuro occupazionale, scatta lo stato di agitazione anche a Chieti Solidale e Teateservizi. Le ragioni sono le stesse, il Comune ha debiti di diversi milioni con le tre società e i salari sono a rischio. 

Per quanto riguarda Chieti Solidale, la preoccupazione dei sindacati Usb Pi, Cgil Fp, Confsal Fi, Cisl Fp, Filcams Cigl, Uil Fpl nasce dai tagli già applicati negli ultimi due mesi del 2018 e validi anche per i primi due del nuovo anno. Tagli che hanno ridotto notevolmente le ore dei lavoratori, che operano con le fasce più bisognose di cittadini. 

A questo si aggiungono il mancato pagamento della mensilità corrente a circa 200 lavoratori e i 5 milioni di debiti del Comune, che mettono a rischio l'azienda, anche nei confronti dei fornitori delle farmacie comunali. Inoltre, come è noto, gli asili nido quest'anno non sono stati aperti, né è stato avviato il trasporto scolastico. 

A Teateservizi, lo stato di agitazione è stato proclamato da Cgil Fp, Cisl Fp e Confsal, che hanno scritto al prefetto la convocazione del tavolo di raffredamento e conciliazione delle controversie collettive, con presidente e direttore della società e dei rappresentanti del Comune, socio unico. Anche per quanto riguarda la società appena diventata srl, non ci sono certezze sul pagamento degli stipendi. 

Inoltre, sono stati disattesi gli accordi stretti nel 2017 sulla stabilizzazione dei precari, alcuni nella stessa condizione da 10 anni, assunti con modalità diverse, dalle agenzie interinali ai contratti a tempo determinato. 

A questo si aggiunge lo stato di incertezza dei lavoratori dello stadio del nuoto di via Maestri del Lavoro, a cui il contratto viene rinnovato di quindici giorni in quindici giorni. Una situazione intollerabile e da affrontare con urgenza. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo Formula Ambiente, scatta lo stato di agitazione anche a Chieti Solidale e Teateservizi

ChietiToday è in caricamento