rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Prestito per curarsi, il debito triplicò: coppia condannata per usura

Il tribunale di Chieti ha condannato per usura una coppia di Popoli. La vittima, di Chieti, dovette consegnare a garanzia due assegni per un totale di 82 mila euro e trasferire la proprietà di un immobile

Il Tribunale di Chieti ha condannato per usura una coppia di Popoli: P.P, 62 anni e A.M. 47, rispettivamente a cinque e quattro anni di reclusione.

Secondo l'accusa i due imputati a fronte di un prestito di 23 mila euro effettuato nel febbraio del 2010 a C.P., 53enne di Chieti, avevano chiesto cinque cambiali da 10 mila di euro ciascuna e una cambiale ipotecaria da 50 mila euro. La vittima, non avendo rispettato le scadenze, alla fine dovette consegnare a garanzia due assegni dell'importo complessivo di 82 mila euro e trasferire ad A.M. la proprietà  di un immobile.

C.P., costituitosi parte civile, aveva dichiarato di aver avuto bisogno del prestito per potersi curare.

La coppia è stata anche condannata dal tribunale ad una provvisionale di 15 mila euro, disponendo una confisca del profitto per un valore di 27 mila euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prestito per curarsi, il debito triplicò: coppia condannata per usura

ChietiToday è in caricamento