Cronaca

Al liceo Classico “Scuola occupata…dalla preside”

Singolare protesta del dirigente scolastico Giuseppina Politi contro le richieste di autogestione e la partecipazione al corteo studentesco: "Non posso non garantire il diritto allo studio"

“Scuola occupata…dalla preside”. Singolare protesta del dirigente scolastico del liceo classico “G.B. Vico” ,Giuseppina Politi, che questa mattina nel cortile in comune con il Convitto nazionale, che da quest’anno ha annesso il liceo, ha fatto esporre uno striscione preparato dalla stessa. Nel mirino del dirigente scolastico la richiesta degli studenti di occupare, negata e poi convertita in autogestione, e soprattutto la loro partecipazione al corteo contro la privatizzazione della scuola  e il governo Renzi che ieri mattina ha paralizzato corso Marrucino.

“Lo striscione è una provocazione per discutere con loro - ci ha spiegato la professoressa Politi – dietro questa protesta ho visto la manipolazione del Blocco studentesco, gruppo cittadino che fa capo a CasaPound. Da dirigente e garante del diritto allo studio non posso permettere a gruppi di estrema destra di entrare in una scuola dove si fanno seminari e si studia la Costituzione. Quanto all’autogestione, la protesta è anacronistica visto che è partita da settimane e, presentata come ogni anno tra il ponte dell’Immacolata e le vacanze di Natale, sembra più un modo per allungare le feste” aggiunge la preside ricordando l’autogestione in corso al liceo Artistico “N. da Guardiagrele”, l’altra scuola  che dirige assieme al Classico e al Convitto. “Lì - spiega – i ragazzi hanno organizzato laboratori alternativi all’interno dell’orario scolastico. Non si ciondola per i corridoi e i più grandi hanno usato quelle ore per prepararsi agli esami di maturità”.
 Intanto il telefono del liceo Classico questa mattina è squillato più volte: erano i genitori di alcuni allievi minorenni che chiedevano alla preside di non accordare l’autogestione. “Non la concederò - ha assicurato la Politi – ma se la vogliono fare la subirò a patto che non duri più di tre giorni”.

Nel pomeriggio gli studenti si sono riuniti di nuovo e hanno deciso di iniziare l’autogestione. “Partiremo lunedì prossimo - annuncia il rappresentate di istituto del ‘Vico’ Giacomo Domenicucci – fino a mercoledì. Domani presenteremo alla preside il programma che abbiamo redatto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al liceo Classico “Scuola occupata…dalla preside”

ChietiToday è in caricamento