menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Comune si dota del piano di microzonazione sismica, per costruire in sicurezza

Il documento tecnico presentato in conferenza stampa: ha l'obiettivo di evidenziare le zone suscettibili di instabilità in caso di terremoto pari a 5.3 della scala Richter. L'assessore all'Urbanistica Colantonio: "Un valido strumento per cittadini e imprese per edificare nel rispetto del territorio”

L’Assessore all’Urbanistica, Mario Colantonio, questa mattina (martedì 22 settembre) con il Dirigente del settore, arrchitetto Silvana Marrocco, l’architetto Lucia Morretti, responsabile dell’Ufficio Pianificazione,  e il geologo Ermenegildo Rossetti, nel corso di una conferenza stampa, ha presentato lo Studio di Microzonazione sismica commissionato dall’amministrazione comunale di Chieti, con l’obiettivo di evidenziare le zone suscettibili di instabilità in caso di terremoto di intensità pari a 5.3 della scala Richter.

PRESENTAZIONE DELLO  STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA

A seguito del sisma del 6 aprile 2009, la Regione Abruzzo, in attuazione della Legge 24 Giugno 2009 n. 77, ha intrapreso un programma pluriennale di attività di prevenzione del rischio sismico. Tra le attività promosse e finanziate dalla Regione rientrano gli Studi di microzonazione sismica di Livello 1 (di seguito MS) da effettuare sul territorio regionale. 

Il Progetto è cofinanziato con fondi comunitari POR_FERS Abruzzo 2007-2013 per 32mila euro l’amministrazione comunale ha contribuito con propri fondi, pari  1.600 euro, solo per la quota riguardante le spese di validazione.

L’incarico è stato affidato dal Comune congiuntamente ai geologi Ermenegildo Rossetti e Armando Mazzei, abilitati presso la Regione a redigere studi di MS secondo le linee guida e gli standard di rappresentazione cartografica e informatica regionali e nazionali.

Il lavoro conclusivo è stato validato dal Tavolo Tecnico regionale nel mese di Giugno 2015.

Lo studio di MS ha l’obiettivo di individuare porzioni di territorio contraddistinte da un comportamento sismico omogeneo e di evidenziare le zone suscettibili di instabilità in caso di terremoto. Il Livello 1 della MS non aggiunge vincoli alla pianificazione territoriale e all’edificazione ma costituisce la base per eventuali successivi gradi di approfondimento (Livelli 2 e 3) se necessari e finalizzati a definire numericamente l’amplificazione del segnale sismico durante la propagazione dagli strati profondi alla superficie.

Il quadro conoscitivo necessario a realizzare tale livello si è basato sulla raccolta dei dati pregressi derivanti dai numerosi lavori pubblici e privati che hanno interessato il territorio comunale oltre che dagli studi di vunerabilità sismica di tutto il patrimonio edilizio pubblico comunale redatti tra il 2010 ed il 2013 ed inoltre ha tenuto conto delle più recenti pubblicazioni scientifiche di settore nonché delle perimetrazioni delle aree in frana presenti nel Piano Stralcio dell’Assetto Idrogeologico (PAI), aggiornate al Primo Progetto di Variante in corso di approvazione.

I principali elaborati prodotti sono:

  • Carta delle indagini, nella quale sono ubicate e distinte per tipologia tutte le indagini puntuali e lineari disponibili (circa 800, selezionate tra le oltre 1.000 reperite);
  • Carta geologico-tecnica, nella quale sono:
  • descritte le diverse unità litologiche e litotecniche riconosciute;
  • definiti i rapporti stratigrafici,
  • rappresentate le diverse frane presenti nel territorio
  • Carta delle Microzone Omogenee in Prospettiva Sismica (MOPS), nella quale sono riportate le aree suscettibili di amplificazione per effetti locali di tipo stratigrafico e le Zone di attenzione che comprendono le aree esposte a fenomeni di deformazione permanente del territorio indotti dal sisma, quali le frane, le cavità sepolte e le aree potenzialmente suscettibili di fenomeni di liquefazione;
  • Relazione illustrativa.

I risultati dello Studio possono essere sintetizzati come segue.

1)    Nella porzione di territorio comunale oggetto dello Studio sono state identificate 12 MOPS. Tali zone sono stabili, ma suscettibili di amplificazione del segnale sismico per effetti stratigrafici. Gli eventuali successivi livelli di approfondimento (Livelli 2 e 3) consentiranno di quantificare il Fattore di amplificazione di ciascuna microzona in caso di terremoto; questo dato numerico dovrà essere considerato nella progettazione strutturale di qualsiasi intervento. Nel frattempo, soprattutto nel caso di nuove costruzioni strategiche (ospedali, scuole, caserme, stazioni elettriche ecc.) il Fattore di amplificazione potrà essere definito con specifiche indagini locali come prevedono le Norme vigenti (Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al D.M. 14.01.2008).

2)    Le Zone di attenzione comprendono:

a)    Zone di instabilità di versante.

Coincidono con le aree in frana del PAI, nella versione più aggiornata, e con una frana di recente formazione nella zona di Madonna della Vittoria;

b)    Zone di instabilità per fenomeni di liquefazione.

Si tratta di aree caratterizzate dalla presenza di terreni sabbiosi saturi nelle quali sono possibili fenomeni associati alla perdita di resistenza al taglio o ad accumulo di deformazioni plastiche sotto azioni sismiche significative.

Le zone potenzialmente soggette a liquefazione, nelle quali il sottosuolo è caratterizzato dalla presenza di spessori significativi di sabbie sature poco addensate, sono tutte quelle che insistono nella pianura alluvionale del fiume Pescara, da Brecciarola al limite territoriale con San Giovanni Teatino. In queste aree, nell’ambito degli studi specifici riguardanti i singoli progetti, sono fortemente raccomandati tutti gli approfondimenti necessari al fine di definire tali eventuali elementi di instabilità.

c)    Zone di instabilità per la presenza di cavità.

Tali aree interessano prevalentemente il centro storico e sono quelle sovrastanti le ben conosciute cavità antropiche isolate o areali potenzialmente soggette a crolli in occasione di terremoti.

Lo Studio di Microzonazione Sismica, che a breve verrà recepito in Consiglio Comunale, costituisce strumento cartografico e scientifico fondamentale per la redazione del Nuovo PRG.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento