Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Polizia traccia il bilancio di fine anno: furti diminuiti, ma aumentano rapine e liti in famiglia - VIDEO

Il questore Borzacchiello punta sull'attività di prevenzione. Diminuiti del 30% gli interventi per furti, in crescita il numero di rapine. Gli interventi delle volanti, 1871 nell'intero anno solare, hanno sostanzialmente interessato le liti in famiglia

 

Questa mattina nella sede della Questura è stato tracciato un bilancio di fine anno della Polizia di Stato della provincia di Chieti. Dai dati forniti dal questore Ruggiero Borzacchiello “la situazione dell'ordine e della sicurezza pubblica si è mantenuta sugli stessi livelli non registrando episodi particolarmente rilevanti sotto il profilo della sicurezza”.

L’aspetto principale sottolineato dal questore riguarda  “un’attività di prevenzione messa in campo che ha potenziato l'impiego di un maggior numero di personale nel capoluogo teatino, rispetto alla scorso anno (di circa il 10%) e un aumento delle persone controllate arrivato a 12mila”.

La diminuzione degli arresti e delle persone include Chieti tra le città più sicure nella classifica stilata da appositi organismi nazionali: gli interventi delle volanti, 1871 nell'intero anno solare, hanno sostanzialmente interessato le liti in famiglia e più in generale, riscontrando un aumento del 40% rispetto allo scorso anno, mentre sono diminuiti gli interventi per furti, circa il 30% in meno rispetto al 2018 e contestualmente un aumento del 20% degli interventi per rapina. Le chiamate al 113 registrano una diminuzione del 13% (36.076).

“Importanti – aggiunge Borzacchiello – sono i successi registrati nella lotta alle truffe verso gli anziani anziani, con l’arresto di una composita organizzazione, i cui affiliati provenivano dalla vicina Campania e che aveva suscitato notevole allarme sociale a seguito dei reati commessi nei confronti delle persone sole, per lo più anziani”.

Sotto il profilo sociale vengono monitorate le varie aree lavorative, in conseguenza delle difficoltà attraversate dal contesto socio- economico e dal mondo del lavoro, quali l'area della Vai di Sangro con i suoi numerosi insediamenti primi fra tutti Sevel, Blutec.

Costantemente seguita è l'attività delle tifoserie Ultras della provincia che ha comportato per quest'ufficio un maggior impegno soprattutto per la tifoseria del Chieti che a seguito dell'indisponibilità dell'impianto comunale di gioco è costretto a disputare le partite casalinghe su altri campi della provincia comportando ulteriori problemi organizzativi per garantire l'ordine e la sicurezza durante le partite.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento