L'eredità della poetessa Bonincontro: quasi 8 mila libri donati alla città

I volumi serviranno a realizzare una sala lettura e studio nella delegazione comunale di piazza Carafa

L'eredità della poetessa Marilia Bonincontro, scomparsa lo scorso gennaio, regalerà un immenso patrimonio librario e culturale alla città di Chieti. Prima di morire, infatti, aveva spesso espresso la volontà di lasciare la sua biblioteca personale, di ben 7.776 volumi, al Comune. 

E, ora, il suo sogno è diventato realtà, grazie all'impegno di Giuseppina Allegrini, Mirella Corsini e Antonella De Luca, che si sono occupate di realizzare la donazione, già recepita con apposita delibera dalla giunta. 

Ora, il Comune e Chieti Solidale si sono impegnati a realizzare una sala di lettura e studio nella sede della delegazione comunale di piazza Carafa, allo Scalo, in cui poter ospitare i quasi 8mila libri donati dalla poetessa e docente. 

Un'occasione d'oro, considerato che oggi, in città, non esiste alcuna biblioteca degna di questo nome

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in bilico sullo strapiombo, tragedia sfiorata in via della Liberazione

  • Il principe Alberto di Monaco in visita privata alle tenute Masciarelli

  • Mercatini natalizi a Chieti, per respirare la magica atmosfera delle feste

  • Fuggono all'alt della polizia, folle inseguimento in centro sul motorino rubato

  • Natale 2019: tra giochi di luce e un'atmosfera da sogno si è riaccesa la villa di Lido Riccio

  • Esplosivo nascosto nelle campagne: sgominata la "banda della marmotta", pronta a far saltare in aria un altro bancomat

Torna su
ChietiToday è in caricamento