Cronaca

Pittrice teatina scomparsa: indagati il figlio e l'ex marito

Sequestrata la loro abitazione a Giulianova. Renata Rapposelli è scomparsa dal 9 ottobre

Svolta nelle indagini sulla scomparsa di Renata Rapposelli, la pittrice di origini teatine scomparsa da Ancona lo scorso 9 ottobre. Ieri sera dopo quasi 6 ore di interrogatorio da parte dei carabinieri del Reparto Operativo, è cambiata la posizione di Giuseppe e Simone Santoleri, rispettivamente ex marito e figlio di Renata, che il giorno in cui si sono perse le sue tracce era andata in treno a Giulianova per vedere il figlio.

La donna era arrivata a casa del figlio e del padre dove sarebbe scoppiata una lite per motivi economici.

I due uomini sono stati convocati nella caserma dei carabineri del comando provinciale di Ancona come persone informate sui fatti. Gli avvisi di garanzia sono stati consegnati dopo gli interrogatori dei due, durati per ore.

I militari hanno messo i sigilli a casa dei Santoleri. L'iscrizione nel registro degli indagati è anche un atto di garanzia nell'ambito degli accertamenti affidati dalla Procura al Ris di Roma, ovvero rilievi scientifici ed esami nell'abitazione e nell'auto di Santoleri poste sotto sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pittrice teatina scomparsa: indagati il figlio e l'ex marito

ChietiToday è in caricamento