rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Madonna del Freddo / Via Ettore Ianni

Record di multe per le auto parcheggiate sul marciapiede, ma scatta la petizione dei residenti

In via Ianni, al Levante, mancano i posti auto, così da sempre si parcheggia sul marciapiede, creando grave intralcio e pericolo ai pedoni

La ricerca di un parcheggio si è trasformata da qualche tempo in una caccia al tesoro per i residenti di via Ianni, al Levante, che addirittura hanno organizzato una raccolta di firme per avere il diritto di parcheggiare le auto almeno su uno dei due lati della carreggiata. 

Ma da dove nasce la disperata ricerca dei residenti? Tutto inizia poco più di due mesi fa, quando un residente segnala a Chieti Today del suo quotidiano slalom, con il carrozzino, tra le auto parcheggiate sul marciapiede. Una situazione pericolosa, in una strada dove le automobili non sempre rispettano i limiti di velocità, che costringe però i pedoni a scendere dal marciapiede visti i grossi ostacoli. 

La segnalazione è arrivata anche al comando della polizia municipale, che negli ultimi tempi si fa vedere di frequente da quelle parti, lasciando una scia di verbali a tutti coloro che, un po’ per abitudine, un po’ per mancanza di spazio, lasciano la macchina sul marciapiede

Così, all’ennesima multa da pagare, i residenti hanno scelto di proporre una soluzione. “Abbiamo sempre parcheggiato sui marciapiedi tranquillamente”, spiegano consapevoli di trasgredire il codice della strada. Così, chiedono la possibilità di utilizzare come posteggi almeno uno dei due lati della via, “come hanno fatto in via Padre Alessandro Valignani. Altrimenti - si sfogano - dove possiamo mettere le auto”. 

Gli automobilisti del Levante esprimono solidarietà ai pedoni, ma, dicono, il problema dei parcheggi va risolto il prima possibile, a maggior ragione perché alcuni si sono già trovati fino a quattro multe sotto il tergicristalli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Record di multe per le auto parcheggiate sul marciapiede, ma scatta la petizione dei residenti

ChietiToday è in caricamento