menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Polpi e ricci di mare finivano nel mercato nero: sequestro della Guardia costiera di Ortona

Intensificati, con la fine del fermo pesca, i controlli nel settore da parte della Guardia Costiera

Dopo vari appostamenti notturni con personale in borghese la Guardia Costiera di Ortona è riuscita a bloccare e a identificare un gruppo di persone, proveniente dalla provincia di Foggia, dedito alla pesca e immissione nel mercato nero di polpi e ricci di mare. Le persone, identificate anche grazie alla collaborazione dei carabinieri, sono risultate tutte con precedenti, oltre che per reati comuni, anche per la vendita abusiva di pesce in cattivo stato di conservazione. Tutta l’attrezzatura in possesso degli stessi è stata sottoposta a sequestro.

Nei giorni scorsi la motovedetta ha inoltre effettuato in un’operazione congiunta con l’elicottero del Nucleo Aereo della Guardia Costiera di Pescara, il sequestro di quindici nasse abusivamente posizionate da una unità non autorizzata, nel tratto di mare antistante il litorale di Fossacesia. 

Sedici, infine, le vongolare sanzionate di recente per aver pescato a ridosso della costa in aree non consentita. Le varie operazioni hanno portato all’elevazione di verbali per oltre 66 mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento