Cronaca

Importazione illegale di pellicce cinesi di orsetto lavatore: imprenditore a processo

Le indagini scattate in seguito a un'ispezione dei carabinieri forestali nell'ipermercato gestito dall'imputato a San Giovanni Teatino. La normativa europea vieta l’introduzione e l’uso di pellicce ottenute da questi animali

Un imprenditore cinese di 58 anni è finito a processo davanti al giudice del tribunale di Chieti per importazione illegale di pellicce cinesi.

L'uomo, titolare di un ipermercato a San Giovanni Teatino e residente a Collecorvino (Pe), è accusato di aver importato illegalmente un carico di giubbini di pelliccia di orsetto lavatore.

Le indagini scattarono in seguito a un'ispezione dei carabinieri forestali nel negozio a Sambuceto, a novembre 2017,nel corso della quale vennero rinvenuti dodici giubbini con i cappucci in pelliccia di procione provenienti dalla Cina. I capispalla furono sequestrati.

Secondo la normativa europea sono infatti vietati

l’introduzione e l’uso di pellicce ottenute da animali come il procione, il coyote, la lince e altre specie provenienti da Paesi che non assicurino la cattura, l’allevamento e l’abbattimento senza l’impiego di tagliole o di altri metodi cruenti”

Per la difesa, però, non ci sarebbero prove sulla provenienza delle pellicce dal paese asiatico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Importazione illegale di pellicce cinesi di orsetto lavatore: imprenditore a processo

ChietiToday è in caricamento