Pedopornografia: perquisizioni e sequestri in tutta Italia, la rete dell'orrore tocca anche Chieti

L'operazione coordinata dalla procura distrettuale di Catania e affidata alla polizia ha scoperchiato l'attività criminale dedita ad abusi su minori, di cui gli indagati si scambiavano le immagini su Internet

Perquisizioni in corso a Chieti dopo la scoperta di una vasta rete transnazionale dedita alla pedopornografia sul web. 

L'operazione coordinata dalla procura distrettuale di Catania è stata affidata alla polizia di Stato. Attualmente, più di 100 agenti della polizia postale stanno effettuando perquisizioni e sequestri, oltre che a Chieti, a Bolzano, Brescia, Catania, Como, Lecco, Milano, Napoli, Parma, Pisa, Roma, Savona, Sassari, Torino, Treviso e Varese e in altre città straniere.

Venti persone italiane sono state denunciate e tre arrestate in flagranza, perché ritenute responsabili di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico e di istigazione a pratiche di pedofilia. Numerosi i soggetti stranieri segnalati alle autorità degli Stati di residenza.

L'indagine è frutto di una lunga attività sotto copertura, con gli indagati che utilizzavano sistemi di anonimizzazione (TOR, VPN) e servizi di messaggistica crittografata per scambiarsi tra loro foto e video di natura pedopornografica, catalogati in base a criteri di età, sesso ed etnia, con contenuti raccapriccianti di abusi su minori, anche neonati, alcuni dei quali vittime di pratiche di sadismo. In diverse occasioni condividevano racconti di loro esperienze sessuali con minori.

Nel corso delle indagini, gli agenti della Polizia Postale di Catania e del Centro Nazionale di contrasto alla Pedofilia online del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, grazie a una meticolosa ricerca, raccolta e analisi di dati, sono riusciti, inoltre, a pervenire alla localizzazione di alcuni dei luoghi degli abusi e all´identificazione di tre vittime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento