L'appello della pasticceria Gentile: "Regaliamo l'invenduto a chi ha fame"

Un post su Facebook invita nel locale di Bucchianico chiunque abbia fame per poter ritirare gratis prodotti freschi che non possono essere venduti il giorno dopo

Si chiama Gentile per il cognome della titolare, ma è certo che la pasticceria di piazza Roma, a Bucchianico, rende perfettamente giustizia al suo nome.

Dalla sua pagina Facebook, infatti, chiama a raccolta tutti gli utenti per condividere un appello generoso e contro gli sprechi. L’obiettivo, si legge nel post, è quello di donare a chiunque ne abbia bisogno ciò che rimane invenduto a fine giornata. Prodotti freschi e ancora ottimi, realizzati solo poche ore prima, ma che non possono essere venduti il giorno dopo la preparazione. 

“Purtroppo - spiegano i titolari - non siamo attrezzati per consegnare ogni volta questi prodotti invenduti a centri come la Caritas, quindi vi chiediamo di condividere questo post, affinché chi avesse davvero bisogno di qualcosa da mangiare può rivolgersi a noi”. 

Sulla scia di altri ristoranti e pasticcerie in Italia e in Europa, anche il locale di Bucchianico vuole aiutare gli indigenti ed evitare di gettare via chili di cibo ancora buono. “Siamo abituati a trattare il cibo con sufficienza - chiude il post - ma è il bene più prezioso che la nostra Terra indebolita ci regala ogni giorno. Non sprechiamo cibo, doniamolo!”.

pasticceria fb-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

Torna su
ChietiToday è in caricamento