menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
il borgo di Roccascalegna a Pasquetta (foto D. Giangiordano)

il borgo di Roccascalegna a Pasquetta (foto D. Giangiordano)

Pasquetta a Chieti e provincia, tra location prese d'assalto e lamentele

Roccascalegna e la costa teatina prese d'assalto, i turisti hanno scelto i musei, tanti anche in montagna. Ecco come è trascorso il Lunedì dell'Angelo all'aperto

La Pasquetta in provincia di Chieti è tanta voglia di relax, tra paesaggi e bellezze artistiche, gustando buon cibo.

Grazie al bel tempo la giornata di ieri ha fatto registrare il pienone in tantissimi luoghi d’arte e naturali. 

A Bucchianico la giornata dedicata a J.R.R. Tolkien, l'autore de "Il Signore degli Anelli" e di altre famose opere fantasy, ha richiamato appassionati oltre le aspettative: travestiti da hobbit ed elfi, grandi e piccini hanno trascorso una giornata fra letture dei passi tratti dalle opere di Tolkien, musica, spettacoli e mercatini a tema.

Nel Medio-Sangro è stata letteralmente presa d’assalto Roccascalegna con il suo castello medievale dove sono arrivati da tutto l’Abruzzo e dal Molise per assistere alle dimostrazioni di combattimenti, falconeria e spettacoli itineranti come lo "Jus primae noctis". Un successo inaspettato: gli organizzatori della pro loco hanno visto più di 8 mila persone riversarsi nell’antico borgo. Il risultato: file di almeno una-due ore per pranzare e per accedere alla biglietteria del castello, ripagate però dall’incantevole visuale per chi è riuscito a salire in cima. Il sindaco Domenico Giangiordano si è scusato personalmente per i disagi e ha invitato quanti non sono riusciti a visitare il castello a tornare quanto prima, ospiti del Comune.

Ma in una bella e forse anche inaspettata giornata di sole è stata presa d’assalto anche la costa teatina con il solito gran pienone a San Vito Marina e dintorni, tantissimi vacanzieri hanno scelto anche la Riserva di Punta Aderci per trascorrere la Pasquetta, mentre a Vasto in molti sono entrati nei musei civici e nei giardini di Palazzo d’Avalos. 

A Chieti oltre trecentocinquanta, soprattutto turisti, hanno visitato le interessanti collezioni dei due musei archeologici nazionali, Villa Frigerj e la Civitella, aperti per tutta la giornata il Lunedì di Pasqua a differenza di diversi ristoranti e bar che hanno abbassato le serrande, alcuni rispettando il giorno di riposo fissato al lunedì. 

Tantissime famiglie allo Zoo d'Abruzzo di Rocca San Giovanni dove sono nati tre cuccioli di canguro e nei luoghi naturali come le cascate di San Giovanni e Bocca di Valle. Pasquetta è stata anche l’occasione per gli appassionati di sci e snowboard di trascorrere una bella giornata sulla Majelletta.

Gettonatissimi anche i 159 agriturismi di tutta la provincia i quali, per far fronte all’impennata delle prenotazioni, hanno proposto anche i menù da asporto. La maggior parte però, non ha rinunciato alle tradizionali grigliate en plein air tra arrosticini, fiadoni e gli immancabili dolci di Pasqua.


 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento