Parco della costa teatina: i dubbi di Rete portuale Ortona e Confindustria

Le due associazioni chiedono al consiglio comunale di rimandare la decisione sulla perimetrazione, perché i soggetti coinvolti non sono stati interpellati

La Rete Portuale Ortona, che unisce tutti gli operatori commerciali dello scalo ortonese, chiede che il consiglio comunale di domani (mercoledì 20 febbraio) rinvii l’approvazione della delibera sulla perimetrazione del parco della costa teatina e che avvii una fase di concertazione con le associazioni e i gruppi di interesse.

“Il documento – lamenta la presidente Barbara Napoliello – ci è stato presentato solo ieri e non abbiamo potuto esprimere pareri in merito”. Nonostante questo, la Rete portuale ha partecipato all’incontro di ieri pomeriggio in Comune.

“L'incontro – spiega Napoliello - si è rivelato una semplice comunicazione da parte del Comune sulla propria idea di perimetrazione, senza la necessaria concertazione con le associazioni e i gruppi di interesse che meriterebbe invece un argomento così importante per il futuro sviluppo del territorio ortonese”.

I componenti della Rete portuale Ortona non si sentono rassicurati, ritengono che tenere il porto e la zona industriale fuori dal parco non garantisca la tutela delle attività che operano in queste aree né il loro futuro sviluppo.

“Un settore produttivo importante come quello del Porto di Ortona – prosegue la presidente - merita una maggiore considerazione e attenzione, soprattutto in questo particolare periodo storico in cui l'economia del territorio ha subito gravi perdite in termini di occupazione,mentre il porto riesce ancora a garantire lavoro agli ortonesi”.

Al dissenso della Rete porto si unisce Confindustria, che critica l’operato del Comune “sia sotto il profilo del metodo che del merito”. Anche l’associazione di categoria lamenta lo scarso preavviso della riunione di ieri e l’assoluta mancanza di un coinvolgimento dei soggetti coinvolti nella decisione sul parco della costa teatina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le eventuali determinazioni assunte nel consiglio – sostiene il presidente Paolo Primavera in una nota inviata al Comune di Ortona – sono prive del necessario apporto di una concertazione auspicabile in casi come questo”. In particolare Confindustria teme “seri problemi a carico del sistema produttivo”, un’eventualità che precluderebbe qualsiasi appoggio al progetto. Secondo Primavera le perimetrazioni vanno limitate “a quei territori già oggetto di altri strumenti vincolistici”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

  • Esce ubriaco nonostante il divieto e si schianta contro una centralina dell'Enel: arrestato

Torna su
ChietiToday è in caricamento