Cronaca Centro Storico / Via Vicoli Francesco e Luigi

Palazzo De Pasquale: l'ascensore (e tanto altro) non funziona

La sede di Teateservizi e di alcuni settori del Comune di Chieti, nel rione Santa Maria, presenta alcune problematiche irrisolte da tempo. Su tutte la mancanza di un ascensore funzionante. Segnalazione da Censorino Teatino Blog

Nello storico rione di Santa Maria in via Vicoli 17 c'è l'antico edificio nobiliare "Palazzo De Pasquale", edificato nel XVIII secolo, completato e restaurato nel XIX secolo; nel 1865 passò di proprietà dalla famiglia Zambra alla famiglia De Pasquale da cui a tutt'oggi prende il nome. L'edificio, contraddistinto da una facciata imponente, occupa un intero isolato. L'interno, decorato con affreschi di gusto neoclassico, ospita una scala a due rampe, decorate da colonne ioniche. Già sede in passato della Facoltà di Farmacia dell'Università "Gabriele D'Annunzio", da alcuni anni è la sede della Teateservizi, dei Settori Commercio, Sport e Cultura del Comune di Chieti.

La struttura, rappresenta sicuramente un importante patrimonio artistico e storico per la città di Chieti, ma a tutt'oggi presenta alcune problematiche non risolte nel tempo, nonostante diverse segnalazioni che ci sono state finanche dal direttore della Teateservizi e nonostante gli interventi per mettere in sicurezza lo stabile.

Infatti, come ci ha segnalato un cittadino che è andato a Palazzo "De Pasquale" per produrre dei documenti, lo storico palazzo presenta alcune problematiche che lo rendono a tutt'oggi ai limiti dell'agibilità per ospitare degli uffici pubblici: al primo piano, dove c'è una sala conferenze nei pressi dell'Ufficio Cultura, ci sono due balconate inagibili che sono state sbarrate da delle ringhiere per renderne impossibile l'accesso; nell'androne delle scale ci sono delle crepe che sono state pressoché riparate alla meno peggio; pare che non siano presenti o comunque non sono facilmente individuabili le uscite di sicurezza e la scala anti incendio - anti panico che in caso di pericolo dovrebbero permettere di uscire immediatamente anche dai piani più alti. Ma, la cosa più grave ed evidente per cui tutti si sono lamentati, è sicuramente l'assenza da troppo tempo di un ascensore funzionante che rende difficoltoso se non impossibile l'accesso alla struttura per individui a ridotta capacità motoria, problema che l'Amministrazione Comunale deve al più presto risolvere.  

I più maliziosi si chiedono: non è che l’amministrazione comunale usi l'ascensore rotto come deterrente per i cittadini, per fare in modo che non si vada a rompere le scatole alla Teateservizi nel caso in cui arrivino delle "cartelle pazze" come è già avvenuto in passato?

Noi non crediamo a questo, ma chiediamo comunque all'amministrazione almeno di rimettere il prima possibile in funzione l'ascensore di Palazzo "De Pasquale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo De Pasquale: l'ascensore (e tanto altro) non funziona

ChietiToday è in caricamento