menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
le immagini andate in onda

le immagini andate in onda

Ospedale di Chieti "fuorilegge" al Tg1: la struttura da sgomberare

Il servizio andato in onda domenica sera al Tg 1 presenta le criticità del policlinico di Colle dell'Ara: l'ospedale ha problemi di staticità perché costruita quarant'anni fa con cemento impoverito. Da smantellare 140 posti letto

Ospedale di Chieti da sgomberare perché non rispetta le norme antisismiche. Ne ha parlato anche il Tg1, domenica sera, nel corso di un servizio in cui ha definito il policlinico di Colle dell’Ara “fuorilegge”, l’unico in Italia senza davanzali né cornicioni per evitare crolli.

La struttura ha problemi di staticità, perché costruita quarant’anni fa con cemento impoverito.  

Il direttore generale Asl Francesco Zavattaro al microfono dell’inviato Rai conferma tutto: “Molti di questi pilastri hanno difetti importanti e la quantità di cemento contenuta all’interno non copre completamente lo spazio fisico e quindi ci sono buchi”.

La Asl ha fatto causa agli eredi del costruttore e ora, spiega ancora il Tg 1, cerca una soluzione per i reparti da smantellare: Terapia Intensiva, Rianimazione, Cardiochirurgia, ovvero 140 posti letto, un terzo del totale.

C’è chi come Mauro Massi del Tribunale del malato aveva suggerito di tagliare alcuni piani dell’ospedale per diminuire la pressione sulle parti più basse, ma l’ipotesi è impraticabile. Poi il telegiornale passa le immagini del sovraffollamento dell’ospedale e dei farmaci ammassati lungo i corridoi.

Il servizio fa discutere chiaramente per la gravità segnalata, di cui già si era al corrente qui, ma anche per il modo in cui è stata presentata la notizia: a dover sgomberare infatti, non è l’intero ospedale, ma i reparti menzionati.

Sulla questione è arrivato anche il commento dell’assessore regionale Mauro Febbo: “Dopo trent’anni di silenzi vengono a galla omissioni e sperperi che già nel ‘99 il sottoscritto, con l’allora sindaco di Chieti, aveva denunciato a gran voce evitando di presentarsi anche all’inaugurazione. In questi anni purtroppo molte, troppe cose sono state sottovalutate e oggi quelle polemiche tornano prepotentemente d’attualità. Continuo ad essere fermamente convinto che l’Ospedale di Chieti sia il frutto di un modo di gestire la cosa pubblica tipico della prima Repubblica che oggi qualcuno osanna e spesso rimpiange”.  

IL SERVIZIO TRASMESSO DAL TG 1

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento