menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si ferisce alla gamba sulla nave in rada: marittimo soccorso a Ortona

L'intervento della Guardia costiera. L'uomo è stato affidato al 118 e trasferito in ospedale

La Guardia Costiera di Ortona questa mattina (domenica 29 marzo) ha soccorso di un marittimo infortunatosi mentre era intento ad effettuare lavori all’interno di un locale a bordo di una nave, alla fonda nella rada del porto. 

Erano da poco passate le 8,30 quando il comandante della “Seminole”, una nave della Società Micoperi ancorata da diversi giorni in rada, a circa 2 miglia dal porto, a causa del generale rallentamento delle attività che ha interessato anche il comparto marittimo, ha contattato la sala operativa della Capitaneria di porto per comunicare di avere a bordo un marittimo infortunato, con ferite alla gamba sinistra. 

L’uomo, un cittadino indonesiano di 47 anni, è stato quindi raggiunto dall’equipaggio della motovedetta che lo ha condotto in porto e affidato alle cure dei sanitari del 118 i quali, verificate le sue buone condizioni, hanno comunque ritenuto di dover procedere al successivo trasporto nel vicino ospedale.

Navi porto Ortona-2

Continua in questi giorni l’attività della Guardia Costiera di Ortona soprattutto inerente la gestione del porto che, nonostante la grave situazione emergenziale in corso, sta facendo registrare traffici sostenuti, anche se con leggera flessione rispetto allo scorso anno. Nel solo mese di marzo sono approdate ad Ortona 16 navi che hanno sbarcato quasi 57.000 tonnellate di merci, soprattutto carburante e cereali estinati all’approvvigionamento di materia prima per l’industria agroalimentare presente nell’entroterra abruzzese.

“Tutto ciò è stato possibile soprattutto grazie alla professionalità, all’abnegazione ed al sacrificio di operatori economici portuali, agenzie marittime e, soprattutto, dei servizi tecnico-nautici del porto - ha dichiarato il Capitano di fregata Cosmo Forte, comandante della Capitaneria di porto di Ortona -. A tutti loro, che costituiscono elemento essenziale al corretto funzionamento del ciclo logistico del trasporto marittimo delle merci, più che mai necessario come in questo momento per i generi di prima necessità, va il nostro più sentito ringraziamento con l’auspicio che tutto questo possa continuare, senza problemi, per tutta la durata di questa fase di grave emergenza del nostro Paese”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento