menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ordini di carcerazione, quattro persone in manette in provincia di Chieti

A Francavilla, Ortona e Borrello i carabinieri hanno arrestato destinatari di detenzioni domiciliari e non solo per vari reati

Quattro persone arrestate nella giornata di ieri (venerdì 10 giugno) dai carabinieri della provincia di Chieti, per ordini definitivi di carcerazione per reati commessi in passato

A Francavilla al Mare è finito in manette G.Y., cittadino albanese di 49 anni, destinatario di un ordine di detenzione domiciliare emesso dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Chieti per il reato di immigrazione clandestina risalente al 2006. L’uomo dovrà scontare un anno, cinque mesi e dodici giorni di reclusione. Un uomo di 32 anni del posto, C.A., è stato arrestato perché destinatario di un ordine di detenzione domiciliare emesso dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Chieti per il reato di detenzione a fini di spaccio di stupefacenti commessi a Francavilla al mare nel 2009: dovrà scontare la condanna ad un anno, un mese e 14 giorni di reclusione. 

A Ortona è stato notificato un ordine di carcerazione, emesso dalla procura generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di L’Aquila, ad A.F., 38enne del luogo, che dovrà scontare la pena detentiva di 3 anni, 2 mesi e 28 giorni di reclusione poiché ritenuto colpevole del reato di tentato omicidio nei confronti della cognata e della suocera, entrambe di Ortona, commesso nel 2011. L’uomo è stato portato nel carcere di Chieti. 

A Borrello, dopo la denuncia sporta dai proprietari di alcuni immobili ubicati in una palazzina di Rosello, generalmente utilizzati come residenza estiva, hanno denunciato in stato di libertà, con l’accusa di violenza privata, un 43enne di Bergamo accusato di aver chiuso, con un lucchetto, il cancello di accesso al giardino condominiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento