Cronaca

L'omicidio della pittrice teatina. Nuova ordinanza di custodia cautelare per i Santoleri

Giuseppe e Simone Santoleri sono accusati di omicidio volontario e sottrazione di cadavere. Secondo l’accusa Renata Rapposelli, fu uccisa il 9 ottobre a Giulianova

Simone e Giuseppe Santoleri

Sono detenuti a Castrogno (Teramo), Giuseppe e Simone Santoleri, marito e figlio di Renata Rapposelli la pittrice, il cui cadavere fu ritrovato a Tolentino (Macerata), sulle rive del fiume Chienti, il 10 novembre.

Sono accusati di omicidio volontario e sottrazione di cadavere. Per loro è arrivata in mattinata la seconda ordinanza di misura cautelare in carcere. Secondo l’accusa la donna fu uccisa il 9 ottobre a Giulianova.

Ad emettere la nuova ordinanza, dopo che il gip di Ancona si era dichiarato territorialmente incompetente, il gip di Teramo Roberto Veneziano su richiesta del pm Enrica Medori. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'omicidio della pittrice teatina. Nuova ordinanza di custodia cautelare per i Santoleri

ChietiToday è in caricamento