Omicidio Cianfrone: si cerca l'arma del delitto, la vittima raggiunta da quattro colpi di pistola

Anche i sommozzatori e i metal detector, a Spinetoli, per riuscire a trovare l'elemento chiave del delitto

La vittima, Antonio Cianfrone

Si terrà domani (sabato 13 giugno) l'udienza di convalida dei coniugi di origini tarantine Giuseppe Spagnulo e Francesca Angiulli, arrestati perché ritenuti responsabili di aver ucciso, mercoledì scorso, Antonio Cianfrone, l'ex carabiniere originario di Mozzagrogna.

I due sono accusati di concorso in omicidio aggravato dalla premeditazione e dall'uso di un'arma e di porto illegale della pistola del delitto. Proprio l'arma è al centro delle indagini, dal momento che non è ancora stata trovata.

I carabinieri del nucleo investigativo di Ascoli Piceno la cercano nell'abitazione della famiglia Spagnulo, a Spinetoli (Ascoli Piceno), località in cui da tempo viveva anche la vittima, ma anche nel deposito comunale in cui l'uomo arrestato laovrava come operaio. Intanto, i sommozzatori della guardia costiera stanno scandagliando alcuni canali, nell'ipotesi che l'arma sia stata gettata via in acqua. 

In più, sono in azione i metal detector nelle campagne circostanti la pista ciclopedonale teatro dell'omicidio. 

Intanto ieri, all'ospedale Mazzoni di Ascoli, è stata effettuata l'autopsia sul corpo di Cianfrone. Secondo l'accusa, a sparare sarebbe stato Giuseppe Spagnulo, che avrebbe fatto fuoco quattro volte, una di fronte alla vittima, tre alle spelle, mentre l'ex carabiniere tentava di fuggire. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investigatori ritengono che i coniugi siano i responsabili non solo per le testimonianze visive di almeno quattro persone, ma anche per le immagini delle telecamere di sorveglianza, che avrebbero catturato i due nei pressi della pista ciclopedonale. Tra Cianfrone e i coniugi ci sarebbero state vecchie ruggini, su cui deve essere ancora fatta chiarezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venticinquenne si ribalta con la Bmw a Chieti: miracolosamente illeso

  • Presentata la nuova giunta comunale a Chieti: Rispoli al lavori pubblici, Pantalone al commercio

  • "I dipendenti con un familiare in attesa di tampone devono andare al lavoro": la denuncia dell'Usb

  • Tamponamento a catena sull’asse attrezzato, diverse auto coinvolte

  • Coronavirus, record di contagi e tamponi: 203 nuovi casi e due persone morte in provincia di Chieti

  • Interruzioni idriche a Chieti e provincia dal 20 al 27 ottobre: il calendario completo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento