rotate-mobile
Cronaca

Trovato morto in casa: lunedì l'autopsia, proseguono gli interrogatori

La procura di Chieti ha aperto un'inchiesta per omicidio: maggiori indizi arriveranno dopo l'esame autoptico sul corpo del 40enne Francesco Ciammaichella, trovato morto in casa mercoledì sera a Sant'Anna

Sarà l’autopsia a fornire ulteriori indizi sul decesso di Francesco Ciammaichella, il 40enne trovato senza vita mercoledì sera al quarto piano di una delle case parcheggio comunali a Chieti, in via Albanese, dove l’uomo abitava da solo. Il decesso, risalente a svariate ore prima, potrebbe essere stato provocato da una colpo alla testa. Ciammaichella infatti è stato trovato con una profonda ferita. L’esame autoptico fissato per lunedì al SS. Annunziata  e affidato al medico legale Christian D’Ovidio potrà dare risposte meno vacue sulle cause del decesso.

Le indagini, sin dal primo momento, seguono la pista dell’omicidio.

Intanto  proseguono gli interrogatori in caserma dai carabinieri di alcune persone vicine a Ciammaichella, che viene descritto come una ragazzo piuttosto riservato, ancora molto provato dalla morte della compagna, avvenuta un anno fa, con problemi di alcol e droga, qualche precedente di polizia ed evidenti difficoltà economiche. 

Il monolocale dove l’uomo viveva è sotto sequestro. 

Dopo aver ascoltato una donna e un uomo, portato via mercoledì sera da una gazzella dei carabinieri, ieri sono sono dunque state sentite altre persone che conoscevano Ciammaichella. La sensazione è che la svolta nelle indagini sia sempre più vicina.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato morto in casa: lunedì l'autopsia, proseguono gli interrogatori

ChietiToday è in caricamento