rotate-mobile
Cronaca Bucchianico

Omicidio di Bucchianico, il parroco di San Camillo: “Erano arrivati da poco, li aiutavamo"

La donna con il figlio e la sorella disabile viveva da pochi mesi a Bucchianico

Un paese sotto shock. L’omicidio di questa mattina a Bucchianico in un’abitazione di strada Cappellina San Camillo, a due passi dal Santuario, ha sconvolto il piccolo centro teatino.

La donna deceduta, 69enne, insieme al figlio e alla sorella disabile si trovava da pochi mesi a Bucchianico. 

"Abbiamo avuto occasione di aiutarli - dice il parroco e rettore del Santuario di San Camillo de Lellis a Chieti Today - anche economicamente da circa un mese anche con la Caritas. Veniva la povera donna che diceva di essere originaria di Chieti. Il figlio non l'ho mai visto".

"Dispiace - spiega padre Germano - alla luce di quanto accaduto, per il fatto di non aver intuito la gravità della situazione. Nell'ultimo periodo le richieste di aiuto si erano fatte più forti. Siamo molto provati".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Bucchianico, il parroco di San Camillo: “Erano arrivati da poco, li aiutavamo"

ChietiToday è in caricamento