rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca Lanciano

No Ombrina, anche la Chiesa aderisce alla manifestazione del 23 a Lanciano

La Pastorale Sociale Arcidiocesi Lanciano-Ortona aderisce alla manifestazione nazionale del 23 maggio: "Fermate Ombrina e le trivelle nell'Adriatico, siano difesi la Vita e il Creato"

“Custodire la terra, perché dia frutto senza essere sfruttata. Questa è una delle più grandi sfide della nostra epoca: convertirci ad uno sviluppo che sappia rispettare il creato” per non subire “la dittatura di un'economia senza volto e senza uno scopo veramente umano”. La pastorale Sociale dell'Arcidiocesi Lanciano-Ortona usa le parole che papa Francesco ha rivolto alle Chiese di Abruzzo e Molise nella sua visita del 5 luglio scorso per ribadire il no alla deriva petrolifera nell'Adriatico e annunciare l'adesione della Chiesa alla manifestazione nazionale in programma il 23 maggio a Lanciano.

Tra due sabati la città la città di Lanciano ospiterà una manifestazione nazionale con al centro la richiesta di fermare definitivamente ogni progetto di estrazione e trasformazione petrolifera in Abruzzo e in tutto l’Adriatico.

Già in passato la Chiesa locale ha espresso la sua viva preoccupazione riguardo ai progetti di sfruttamento petrolifero previsti sulle coste abruzzesi e in particolare a quei progetti tornati al centro dell’attenzione negli ultimi mesi: “Ombrina Mare 2” ed “Elsa 2”, entrambi al largo della costa dei Trabocchi.

"A coloro che si stanno impegnando per il bene comune e per la salvaguardia del Creato, del presente e del futuro dell’Abruzzo, dell’Adriatico e di tutte le nostre terre, credenti e non credenti, esprimo, tramite il mio ufficio, la vicinanza della Chiesa e dei suoi Pastori - dice don Carmine Miccoli, responsabile della Pastorale sociale Lanciano-Ortona - il 23 maggio saremo insieme a coloro che parteciperanno a quest’evento, espressione di democrazia reale e di amore responsabile per i luoghi di cui siamo custodi, augurandoci di essere esempio vivo di come contrastare non solo un’economia che uccide la vita e il futuro, ma anche di una politica che ha smarrito il suo interesse per il bene comune e per la costruzione di un ordine sociale fondato sulla giustizia e la pace".

L'appello della diocesi è alla politica tutta, dal Parlamento nazionale ai Consigli Comunali. "A tutti chiedo di impegnarsi per fermare “Ombrina Mare”, “Elsa 2” e ogni progetto, non solo petrolifero, di sfruttamento selvaggio dell'ambiente naturale - conclude don Carmine - tale compito si impone soprattutto a coloro che, dicendosi credenti, hanno il dovere di tutelare ad ogni costo il valore della vita, la dignità della persona in tutte le sue dimensioni, la promozione della giustizia e della pace, la solidarietà e la difesa dei più poveri, perché partecipino in maniera consapevole e solidale alla costruzione di un mondo sempre più somigliante al 'sogno di Dio' per le sue creature".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Ombrina, anche la Chiesa aderisce alla manifestazione del 23 a Lanciano

ChietiToday è in caricamento