menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonio Corona

Antonio Corona

Ecco il nuovo prefetto, Antonio Corona si presenta alla città

Sposato e padre di un figlio, 59 anni fra pochi giorni, romano e grande tifoso della Roma, arriva a Chieti dopo un anno e mezzo alla guida della prefettura di Lodi e una carriera iniziata nel 1982 che gli ha fatto girare mezza Italia

A Chieti è arrivato sabato scorso, appena il tempo di svuotare gli scatoloni, partecipare alla prima seduta consiliare del Di Primio bis, e questa mattina (giovedì 9 luglio) il nuovo prefetto Antonio Corona ha voluto incontrare la stampa per presentarsi. Una riunione informale e cordiale, sulla scia del predecessore Fulvio Rocco de Marinis, trasferito alla prefettura di Forlì-Cesena). 

Romano, "e romanista", tiene a specificare lui, 59 anni da compiere il prossimo 22 luglio, padre abruzzese (di Villavallelonga, nell'aquilano) una moglie e un figlio che vivono a Rimini, Corona arriva a Chieti dopo un anno e mezzo a Lodi, dove è arrivato il 30 dicembre 2013 al suo primo incarico da prefetto. Dopo la laurea in Scienze Politiche, la carriera prefettizia cominciata nel 1982, passando per prefetture, ministero dell'Interno, presidenza del consiglio dei ministri. Appassionatissimo di calcio, tanto da infarcire le sue battute con metafore e aneddoti legati a mondo del pallone, il neo prefetto di Chieti è anche un attento comunicatore. Ha creato infatti il sito Il Commento, definito "raccolta di opinioni e punti di vista". 

"Di Chieti - confessa - non ho ancora visto nulla, ma posso assicurare un impegno fatto di entusiasmo, voglia di conoscere il territorio e le persone, volontà di cercare di risolvere i problemi, per quanto sia possibile. E' importante che questo territorio rimanga unito, e voglio essere punto di riferimento per la sua tenuta e coesione". 

A cronisti, cittadini e istituzioni, Corona preannuncia "massima apertura, collaborazione nella ricerca di soluzioni condivise: ascolterò e mi metterò all'ascolto. Chieti - prosegue - è una provincia industriale molto evoluta, che ha tutto e regge un ruolo molto importante nella regione. Il mio predecessore era innamorato di Chieti e sono sicuro che lo stesso succederà a me. Per ora l'impatto è stato positivissimo: per certi versi mi sento a casa mia". E non risparmia lodi per l'efficienza e le capacità dei suoi collaboratori, alcuni dei quali aveva già avuto modo di conoscere nel corso della carriera.

Attualmente, però, si divide fra tre città: la sua Roma, Chieti dove ha appena iniziato il nuovo incarico, e Rimini, dove vivono la moglie e il figlio. "Ma - dice - voglio che l'alloggio di rappresentanza possa diventare anche un punto di ritrovo e di riferimento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento