menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nove persone rinviate a giudizio per l'inchiesta sulla diga di Chiauci

Nel tribunale di Vasto dovranno rispondere di appropriazione indebita, abuso e ingiusto vantaggio

Due ex commissari e il direttore del Consorzio di bonifica sud, insieme ad altre sei persone, sono stati rimandati a giudizio dal gup del tribunale di Vasto Italo Radoccia, su richiesta del procuratore della Repubblica Giampiero Di Florio, per accuse a vario titolo in concorso, che vanno dall'aver procurato ingiusto vantaggio all'appropriazione indebita per indennità di rimborso e spese non dovute, all'abuso per lavori da decine di milioni di euro per la realizzazione della diga di Chiauci (Isernia). 

Nel procedimento sono i mputati gli ex commissari Fabrizio Marchetti e Rodolfo Mastrangelo, il responsabile unico del procedimento Michelangelo Magnacca, il direttore del Consorzio di Bonifica Sud Nicolino Sciartilli, il commissario regionale della convenzione Sandro Annibali, gli ingegneri Sante Di Giuseppe, Giovanni Sportelli e Gilda Buda e l'imprenditore Giuseppe Latte Bovio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento