menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violano i divieti per andare in bici, al night, in visita alle fidanzate: denunciate 19 persone

Tra le persone segnalate dai carabinieri di Chieti, una era arrivata a Guardiagrele da Silvi per chiedere l'elemosina

Non bastano i numerosi appelli che arrivano da più lati a restare a casa, per evitare di diffondere ulteriormente un virus altamente contagioso. Dopo le denunce di ieri, nove della polizia e cinque dei carabinieri, i militari della compagnia di Chieti hanno segnalato all'autorità giudiziaria altre 19 persone. 

Tutte hanno violato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che limita la mobilità della popolazione a ragioni lavorative o di prima necessità. 

Le motivazioni per le quali le persone si muovono inutilmente ed in barba alla norma sono le più disparate: dal cittadino extracomunitario di 50 anni residente a Silvi (Teramo) e fermato a Guardiagrele davanti ad un supermercato a chiedere l’elemosina, a cinque ciclisti tra i 65 ed i 45 anni provenienti dal pescarese e dal chietino fermati a tra Fara Filiorum Petri e Guardiagrele, a due uomini, un 28enne di San Vito Chietino e un 58enne di Ortona, fermati a Chieti d a Francavilla al Mare, dove erano venuti a trovare le rispettive compagne. 

È stato controllato inoltre un night nel chietino aperto ben oltre l’orario consentito, nel quale sono stati trovati e denunciati dodici persone tra avventori e intrattenitrici. 

I controlli continueranno serrati, anche perché gli spostamenti aumenti sensibilmente le possibilità di contagio. 

Questa mattina, altre sette persone erano state denunciate dai carabinieri di Vasto.

L'appello: "State a casa o non ci sarà il lieto fine"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento