rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Guardiagrele

Progetto Noemi: al via la raccolta firme per le cure compassionevoli

L'associazione presieduta dal papà della bimba di Guardiagrele affetta da Sma1 mira a raggiungere almeno 50.000 firme per far sottoscrivere una proposta di legge di iniziativa popolare

L’associazione Progetto Noemi Onlus promuove una raccolta firme a livello nazionale per una proposta di legge in difesa del diritto alla cura e all'assistenza domiciliare.

Lo ha annunciato Andrea Sciarretta, presidente dell'associazione e papà della piccola Noemi, la  bimba di Guardiagrele affetta da Sma1 alla quale i giudici dell'Aquila lo scorso dicembre hanno dato l'ok alle cure col metodo Stamina, nel corso della prima assemblea di soci a Guardiagrele.

L’obiettivo, con altre 11 associazioni, è raggiungere almeno 50.000 firme per far sottoscrivere una proposta di legge di iniziativa popolare a difesa delle cure compassionevoli e dell'assistenza domiciliare rivolta al disabile gravissimo e ai Lea - livelli essenziali di assistenza.

Progetto Noemi, nel corso del suo primo anno di esistenza, ha portato avanti diverse quali sollecitare la Regione Abruzzo nell'approvazione e realizzazione di un registro regionale delle malattie rare; sostenere la realizzazione, presso l'hospice di Torrevecchia Teatina di un reparto destinato alle cure palliative per pazienti pediatrici cronici; sollecitare la realizzazione in Abruzzo di un reparto di rianimazione pediatrica, attualmente inesistente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto Noemi: al via la raccolta firme per le cure compassionevoli

ChietiToday è in caricamento