Cronaca Francavilla al Mare

Francavilla: no al taglio degli alberi in viale Nettuno, appello del Wwf ai Ministri

L'associazione: "Non c’è ragione per snaturare un luogo storico della città: esistono altre soluzioni per risolvere il problema delle radici". Dal gennaio scorso è in vigore una legge che tutela il verde urbano

Il Wwf ha inviato al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e a quello dell’Agricoltura e delle Politiche Forestali un appello urgente per la conservazione e la tutela dei tigli di Viale Nettuno a Francavilla al Mare nel tentativo di fermare il progetto comunale che vorrebbe “riqualificare” la principale strada cittadina eliminando filari di alberi presenti da decine di anni.

L'associazione negli scorsi mesi aveva già indirizzato al sindaco della città costiera una lettera per chiedere una profonda revisione del programma d’intervento lungo il viale. "Il progettato taglio degli alberi - spiega Nicoletta Di Francesco in una nota stampa -  è infatti motivato unicamente dal presunto intralcio ai pedoni dato dalle radici affioranti che provocherebbero inciampi e cadute. Esistono invece sistemi che permetterebbero di ovviare a tali inconvenienti senza sacrificare la tipica e magnifica alberatura.

La scellerata scelta di eliminare l’alberatura - prosegue -  è peraltro in gravissimo contrasto con una nuova legge, (la n° 10/2013 del 14 gennaio scorso) che promuove  l’incremento del patrimonio arboreo e delle  aree verdi e  tutela il verde esistente nelle città".

Il Wwf chiede un intervento a livello governativo per fermare quello che definisce "uno scempio che l’amministrazione locale", nonostante le proteste "sembra fortemente decisa ad attuare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francavilla: no al taglio degli alberi in viale Nettuno, appello del Wwf ai Ministri

ChietiToday è in caricamento