Cronaca

"No a ristoranti sui trabocchi": Italia Nostra contro la legge regionale

L'associazione ribadisce l'opposizione alla proposta di legge sulla valorizzazione dei trabocchi ai fini della ristorazione di alcuni consiglieri regionali e invita al rispetto dell'ambiente e dei beni culturali

Il Consiglio Direttivo delle sezioni d’Abruzzo di Italia Nostra, riunitosi a Vasto nella locale sezione, presieduta dal presidente regionale Mimmo Valente, ha ribadito all’unanimità l’opposizione alla proposta di legge su “la valorizzazione dei trabocchi ai fini della ristorazione” dei consiglieri regionali Montepara e Sospiri con l’avallo dell’assessore regionale all’urbanistica Campitelli, e successive adesioni, anche con emendamenti, dei consiglieri regionali dei 5Stelle, nonché  del  capogruppo  di Fratelli d’Italia, Guerino Testa.

"Italia Nostra - dichiara Valente -  ribadisce la sua totale opposizione al destino riservato, dalla suindicata coalizione politica, ritenendo che i circa 30 trabocchi esistenti “sulla costa dei trabocchi” sono testimonianze culturali di macchine da pesca che già D’Annunzio affermava essere 'un’effigie di corpo animato in legno esposta anni ed anni al sole' rimanendo testimonianza storico-culturale, nell’ambito di paesaggi per fortuna non ancora completamente deturpati, per cui come recentemente ribadito dalla Soprintendenza ai Beni Culturali d’Abruzzo essi vanno difesi da inopportuna destinazione a ristoranti, peraltro in carenza servizi igienici ed in violazione delle elementari norme di sicurezza".

Nel ribadire la propria opposizione e nell’indicare alla pubblica opinione ”il mancato rispetto dell’ambiente e dei beni storico-culturali” da parte dei proponenti consiglieri, l'associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale della nazione, richiama i legislatori regionali al rispetto delle note tecniche sulla incolumità statica e sicurezza pubblica, 

per evitare il ripetersi di tragedie simili a quella di Rigopiano o causa dell’ingresso di navi da crociera nella laguna di Venezia. Invitiamo tutti i cittadini e anche le associazioni ambientaliste e culturali a far sentire la propria voce su questo argomento e ad intervenire per evitare un ulteriore massacro al nostro patrimonio culturale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No a ristoranti sui trabocchi": Italia Nostra contro la legge regionale

ChietiToday è in caricamento