Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Lanciano

Lanciano: "No al circo. Gli animali non si divertono", La Foresta Che Avanza contro i circhi in città

Il gruppo ecologista di CasaPound ha affisso uno striscione di protesta contro il circo a Lanciano Fiera e cheide all'amministrazione comunale di impone il divieto di transito per i circhi che esibiscono animali

"No al circo. Gli animali non si divertono". Con questo striscione affisso nella notte a Lanciano, i militanti de La Foresta Che Avanza, gruppo ecologista legato a CasaPound Lanciano, protestano contro la presenza in città del circo acquatico "Loredana Bellucci" e del futuro approdo del circo "Royal".

"Dietro la facciata di un presunto intrattenimento- spiegano - i circhi con gli animali non sono null'altro che dei baracconi ambulanti della sofferenza, con gli animali costretti a vivere in spazi angusti, in condizioni incompatibili con un'esistenza anche solo minimamente dignitosa e sottoposti a trattamenti inaccettabili che provocano loro acute sofferenze fisiche e psichiche per essere indotti ad esibirsi. Volendo poi ragionare per assurdo anche solo in termini di ritorno economico, esistono rinomati spettacoli circensi internazionali ed italiani che si fondano esclusivamente sull'abilità di artisti circensi umani, mentre la gran parte dei circhi con animali sopravvive solo grazie a sussidi statali. Ecco quindi come il circo con gli animali finisca per non avere alcuna ragione per continuare ad esistere come forma di spettacolo".

FCA invita l'amministrazione comunale a esprimersi sulla questione del circo con gli animali e ad adottare, con una delibera della giunta la normativa, già presente in varie parti d'Italia, che impone il divieto di transito per i circhi che esibiscono animali nei loro spettacoli sul territorio cittadino.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lanciano: "No al circo. Gli animali non si divertono", La Foresta Che Avanza contro i circhi in città

ChietiToday è in caricamento