menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Abruzzo si risveglia imbiancato, ancora scuole chiuse e quartieri senza corrente

Più di mezzo metro di neve solo nel capoluogo di provincia. Alberi caduti e autobus di linea al momento bloccati.

La seconda ondata di maltempo in poche settimane si abbatte sull'Abruzzo. Chieti e l'intera provincia si sono svegliate ricoperte da diversi centimetri di neve, ben più rispetto a quanto accaduto nei giorni a ridosso dell'Epifania: solo nel capoluogo di provincia, la coltre bianca ha raggiunto l'altezza di circa mezzo metro.

I sindaci, oltre a quelli che avevano già deciso ieri (domenica 15 gennaio), di buon'ora, hanno preso la decisione di interrompere le lezioni. Oggi (lunedì 16 gennaio) restano dunque chiuse le scuole a Chieti, Atessa, Bomba Bucchianico, Canosa Sannita, Carunchio, Crecchio, Francavilla al Mare, Furci, Gessopalena, Lanciano, Liscia, Miglianico, Orsogna, Palmoli, Ripa Teatina, Rocca San Giovanni, Roccascalegna, San Martino sulla Marrucina, Torrebruna, Villamagna.  

Intanto a Chieti è stato riattivato il Coc (Centro operativo comunale), che proprio in questi minuti si è riunito per organizzare gli interventi. Al momento, tutte le linee urbane del trasporto pubblico sono ferme: a Chieti non passa, attualmente, nessun mezzo pubblico. In alcune zone della città, in particolare al Tricalle e a Filippone, manca la corrente elettrica da questa notte

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento