Controllo dei Nas, scoperti finti prosciutti di Parma in un salumificio

I carabinieri hanno effettuato un blitz in un'attività del chietino scoprendo che commercializzava anche all'estero prosciutti di origine straniera con l'etichetta 'tipo Parma', quindi in grado di trarre in equivoco gli acquirenti

Commercializzava anche all'estero prosciutti di origine straniera con l'etichetta 'tipo Parma', quindi in grado di trarre in equivoco gli acquirenti circa caratteristiche, natura e luogo di provenienza dell'alimento: nel mirino, dopo un blitz dei Carabinieri del Nas, è finito un salumificio del Chietino.

La titolare dell'attivita' e' stata denunciata per frode nell'esercizio del commercio e vendita di prodotti industriali con segni mendaci. L'indagine e' stata condotta dai militari di Pescara in coordinamento con i colleghi di Parma e con la collaborazione del consorzio del prosciutto di Parma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli accertamenti dei Carabinieri hanno permesso di accertare che la donna vendeva in Abruzzo e all'estero i prosciutti con etichette contenenti informazioni che potevano trarre in inganno i consumatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita nel giorno del suo compleanno: tragedia al Tricalle

  • Nuovo caso positivo al Covid 19: è un paziente in ospedale a Chieti, domiciliato a San Salvo

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • È morto l'assessore Antonio Viola

  • Lite tra condomini a Chieti finisce a colpi di forbici: denunciati in due

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

Torna su
ChietiToday è in caricamento