menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non si presenta all'interrogatorio: ex capo della mobile Muriana trovato riverso in auto, ha tentato il suicidio

Questa mattina era atteso a Pescara per l'interrogatorio in merito a un'indagine a suo carico per calunnia

L'ex capo della squadra mobile di Pescara, Pierfrancesco Muriana, ha tentato il suicidio all'interno della sua automobile, nel parcheggio dello stadio di Francavilla al Mare.

Questa mattina era atteso alla procura di Pescara per essere ascoltato in merito all'indagine per calunnia a suo carico, legata a una vicenda scaturita dalle indagini per il disastro dell'hotel Rigopiano.

Per oltre un'ora, il procuratore aggiunto Anna Rita Mantini e il sostituto Luca Sciarretta, titolari dell'inchiesta, lo hanno atteso insieme ai suoi legali Augusto La Morgia e Marco Spagnuolo, ma Muriana non si è presentato. Poi, l'amara scoperta: era nella sua auto, svenuto. Avrebbe tentato di riempire l'abitacolo con il monossido di carbonio del motore. 

L'uomo è stato soccorso e portato nell'ospedale di Chieti e non sarebbe in pericolo di vita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i carabinieri forestali

Muriana è indagato sulla base della denuncia presentata dal carabiniere forestale Michele Brunozzi, che era precedentemente finito sotto inchiesta, insieme ad altri due colleghi della forestale, proprio in seguito a un esposto di Muriana, archiviato alcune settimane fa dal gip.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento